Un weekend con la cultura giapponese

festival-sorrento-giappone

SORRENTO. Un kimono “al limoncello” per gli Incontri con la cultura giapponese. Il 21 e il 22 marzo torna la kermesse con musica, spettacoli e curiosità dedicata al Paese nipponico.

Un weekend all’insegna della cultura giapponese, quello in programma a Sorrento nei giorni 21 e 22 marzo prossimi, promosso dal Comune in collaborazione con la Fondazione Sorrento e patrocinato dall’Ambasciata del Giappone e dalla Fondazione Italia-Giappone.

Tra gli ospiti dell’edizione 2015 degli “Incontri con la cultura giapponese”, ci sarà lo stilista Nobuaki Tomita, che presenterà un kimono realizzato con tessuto tinto di limoncello. Il Festival Giapponese di Sorrento, giunto alla sua sesta edizione, nasce da due protocolli di gemellaggio sottoscritti tra Sorrento e Kumano. Essi prevedono espressamente che le due città promuovano, tra l’altro, mutui scambi nel campo delle arti, della cultura e della scuola della realtà giapponese e della realtà italiana.

Il programma si aprirà con un incontro fissato per sabato 21 marzo, alle ore 13, presso la sala consiliare. A ricevere gli ospiti, una delegazione dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco, Giuseppe Cuomo.

Nel pomeriggio, in piazza Tasso, a partire dalle ore 15, si terranno tre dimostrazioni di taiko, tamburi molto diffusi in Giappone. In caso di pioggia, le performance si terranno presso il Circolo Sorrentino, sempre in piazza Tasso. Alle ore 20, spettacolo al teatro Tasso, con musica, cori e danze.

L’indomani, domenica 22 marzo, la sala consiliare del Comune di Sorrento ospita l’atteso workshop con Nobuaki Tomita, uno dei stilisti e costumisti di kimono più importanti a livello internazionale, che presenterà il mondo affascinante di questi indumenti tradizionali giapponesi. La sua particolarità artistica proviene dalla sua continua sfida verso quest’arte: nei suoi viaggi tra i vari continenti, ogni volta crea un pezzo unico fatto dal tessuto tinto di materiali tipici del luogo. Per questa occasione, Tomita ha creato appositamente un kimono fatto di tessuto tinto di limoncello, uno dei prodotti sorrentini più noti al mondo. L’ingresso agli spettacoli in programma è gratuito, quello al workshop sempre libero, ma limitato ai posti disponibili in sala.