Un ponte al posto di via Fontanelle, necessari 4,4milioni

ponte-via-fontanelle

SORRENTO. Il progetto definitivo c’è, ma resta da superare lo scoglio più arduo: reperire i fondi necessari alle opere. Sono necessari, in base alle stime dei tecnici, circa 4milioni e 400mila euro per rifare il tratto di 60 metri di via Fontanelle crollato il 5 marzo del 2014 per una frana causata da intense piogge. Evento che provocò anche la distruzione di una casa e pesanti danni ad un’altra abitazione adiacente. Da quel giorno una ventina di famiglie che risiedono in contrada Li Simoni, nella zona collinare della frazione del Capo di Sorrento, sono pressoché isolate, potendo contare per i loro spostamenti solo su un percorso alternativo che attraversa i campi fino a raggiungere via Nastro Verde all’altezza del bivio che conduce al borgo di Priora.

“Da più di tre anni siamo costretti ad affrontare pesanti difficoltà – spiega Michele Gargiulo, uno degli abitanti della zona -. I miei genitori sono anziani e quando hanno bisogno di uscire per sottoporsi a visite mediche o per altre incombenze sono costretti a vere e proprie peripezie. Lo stesso vale per chi ha figli piccoli da accompagnare a scuola. Il Comune di Sorrento continua ad imporci il pagamento delle tasse, ma di rifare la strada nessuno sembra preoccuparsi”.

frana-capo-di-sorrento-11

Una situazione che può diventare drammatica in caso di emergenza. La zona, infatti, è impossibile da raggiungere per i mezzi di soccorso. La conferma si è avuta già nelle settimane successive allo smottamento, quando un uomo di 39 anni ha accusato un malore. L’ambulanza non è riuscita ad arrivare fino alla sua abitazione e nel momento in cui i sanitari sono finalmente giunti a destinazione l’uomo era già deceduto.

Difficoltà che potranno essere superate solo con la realizzazione di una nuova strada. Lo scorso 1 agosto la Giunta municipale ha approvato una prima stesura del progetto definitivo dell’intervento redatto dall’architetto Viviana Miccio per conto della Regione Campania. Elaborato che prevede la realizzazione di un ponte a campata unica in acciaio e cemento armato di 30 metri (nella foto in alto la ricostruzione di come sarà l’opera). Per garantire la sicurezza della struttura, a monte sarà realizzata una paratia ancorata alla roccia che dovrà sostenere anche i muri di contenimento fondati su pali in calcestruzzo del diametro di 80 centimetri. A valle saranno sistemate delle gabbionate per consolidare il versante e supportare il peso della strada.

“Sono previste – spiega il dirigente del settore Lavori pubblici del Comune di Sorrento, ingegnere Alfonso Donadio – anche opere per il drenaggio delle acque pluviali e la sistemazione del tratto di via Fontanelle confinante con la parte franata che presenta anch’esso segni di cedimento”. In questi giorni sono in programma gli incontri con i proprietari dei terreni confinanti con il tracciato viario interessati dagli espropri previsti per la realizzazione delle opere di messa in sicurezza della strada. Se non ci saranno intoppi si procederà a dichiarare la pubblica utilità dell’opera e ad approvare nuovamente il progetto definitivo. Documento che sarà poi trasmesso all’Autorità di Bacino della Campania Centrale ed alla Soprintendenza per ottenere il loro assenso.

“Entro la fine dell’anno contiamo di ottenere tutti i pareri e completare l’iter burocratico” afferma il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo. A quel punto, però, mancherà da superare l’ostacolo maggiore: mettere insieme gli oltre 4milioni necessari alla realizzazione dell’opera. “Una volta approvato il progetto esecutivo – aggiunge il primo cittadino – chiederemo alla Regione di finanziare le opere”. E se Palazzo Santa Lucia non si renderà disponibile? “Interverremo noi come amministrazione comunale sottoscrivendo un mutuo in modo da consentire l’avvio dei lavori entro il 2018”. Insomma, i tempi non saranno brevissimi, ma almeno c’è l’impegno per la risoluzione del problema.