Ulivi secolari distrutti per realizzare resort di lusso a Massa Lubrense

uliveto-distrutto-miglio-blu-3

MASSA LUBRENSE. Decine di alberi di ulivo secolari distrutti per poter realizzare un resort di lusso con vista su Capri. È la ricostruzione della Guardia di Finanza dopo un sopralluogo effettuato nella zona di Montecorbo, a Massa Lubrense. Per questo le fiamme gialle hanno posto sotto sequestro un’area di circa 800 metri quadrati e denunciato un imprenditore che opera nel settore turistico.

La vicenda ruota intorno ad una proprietà che fu dell’armatore Achille Lauro. A fine anno l’area, che è sottoposta a tutela naturalistica, è stata acquistata dall’imprenditore che intende realizzare un resort all’interno della tenuta riqualificando quelle che erano due stalle. Per raggiungere l’obiettivo, però, secondo i finanzieri della tenenza di Massa Lubrense, il neo proprietario della tenuta avrebbe fatto sbancare un terreno in prossimità delle due strutture.

Nel giro di pochi mesi oltre 1.200 metri cubi di terreno sono stati rimossi e ammassati in un altro punto della proprietà, mentre numerosi ulivi sono stati eliminati. Alcuni alberi sono stati espiantati e trapiantati altrove, mentre di altri non è stata trovata traccia. Per verificare la portata delle opere eseguite sulla collina di Montecorbo la Guardia di Finanza si è avvalsa anche delle immagini pubblicate su Google Earth.

All’inizio dell’anno, infatti, si vedeva una grande macchia verde. Invece, quando i finanzieri, alcuni giorni fa hanno effettuato un sopralluogo, hanno trovato alberi tagliati e terreno rimosso. Intervento privo del parere favorevole della Soprintendenza e del via libera del Comune di Massa Lubrense. Per questo l’imprenditore è stato denunciato per danneggiamento e deturpamento di bellezze naturali.