Tutto pronto per il presepe vivente di Casarlano e quello dei Bambini del Capo di Sorrento

Presepedeibambini1

SORRENTO. Torna il tradizionale appuntamento con il “Presepe vivente” allestito nella frazione collinare di Casarlano. Una rappresentazione della Natività particolarmente suggestiva, che vede coinvolti tutti gli abitanti della zona, tra addetti all’allestimento e figuranti.

 

L’appuntamento per la quarta edizione della kermesse è in programma per i giorni 28 e 29 dicembre e 1, 2, 4, 5, 6, 11 e 12 gennaio, dalle 18 alle 20. Suggestiva la location scelta: l’area che circonda la chiesa del borgo edificata nel lontano XV secolo.

Lungo la prima parte dell’itinerario del presepe, si possono ammirare gli uliveti e gli agrumeti dei fondi rustici, ma anche luoghi caratteristici appartenenti ad un prestigioso ed antico convento dei padri Domenicani. Proseguendo, si attraversa l’antica Terra Santa, allestita nei locali sottostanti la chiesa, dove nei secoli scorsi c’era l’usanza di seppellire i religiosi e i pochissimi abitanti della comunità. Infine, il presepe trova la sua massima realizzazione artistica nel piazzale interno della Parrocchia dove alcuni mastri della comunità, progettano e allestiscono il villaggio natalizio.

Mastri di pergolato per le strutture di castagno, mastri della muratura per il tufo e le pietre, collaboratori e manovalanze varie si danno appuntamento ad ottobre per raccogliere una sfida che conserva tutto il suo fascino proprio nella fase di preparazione. Oltre due mesi di intenso lavoro durante i quali, fino a tarda notte, si odono i rumori e le voci di un cantiere gioioso e appassionato che lotta contro il tempo. Per giungere, durante le serate stabilite dal programma, alla rivisitazione della Natività cui partecipano ben 150 figuranti, di tutte le età e rigorosamente abbigliati con abiti d’epoca.

Quella di Casarlano non è l’unica rappresentazione della nascita di Cristo che viene allestita a Sorrento. In contrada Li Simoni, al Capo di Sorrento, infatti, i piccoli abitanti della zona danno vita al “Presepe vivente dei bambini”.

La singolarità dell’evento sta proprio nel fatto che tutti i figuranti hanno un’età compresa tra i 5 ed i 12 anni. Una riproduzione della natività realizzata lungo un suggestivo percorso che si snoda tra le arcate e gli antichi portoni che sorgono nei pressi della piccola cappella di Santa Maria della Purità.

Sono 70 i bambini che partecipano alla kermesse, tutti abbigliati con i costumi della tradizione e pronti a sfidare il freddo pur di far rivivere le suggestioni della Natività.

L’appuntamento con il “Presepe vivente dei bambini” è per i giorni 27, 28 e 29 dicembre e 4 e 5 gennaio, dalle 17,30 alle 19,30. Per agevolare l’accesso dei visitatori è assicurato un servizio di navette gratuito con partenza ed arrivo dalla piazzetta del Capo di Sorrento. Inoltre il 4 gennaio, alle 19,30, è in programma un concerto natalizio con il Triotarante, mentre il giorno seguente è previsto uno spettacolo di fuochi pirotecnici.

RIPRODUZIONE RISERVATA