Capri Watch, fashion accessories

Tutto pronto a Sorrento per la nuova stagione delle crociere

crociere-sorrento

SORRENTO. Più navi, più passeggeri, ma infrastrutture insufficienti. Mancano pochi giorni al via della nuova stagione delle crociere di Sorrento. Un 2019 che si prospetta da record con 129 unità attese nel golfo della Terra delle Sirene nel corso dei prossimi mesi. Dato che segna un consistente incremento rispetto al 2018 quando a toccare le coste di Sorrento sono state 98 navi. In sostanza si prevede un più 30 per cento circa di accosti.

In base ai numeri forniti dalla Capitaneria di Porto di Sorrento, guidata dal comandante Enrico Staiano, il mese in cui sono previsti più arrivi è maggio, quando a gettare l’ancora davanti all’area portuale di Marina Piccola saranno ben 24 navi. La prima a raggiungere la Costiera sarà venerdì prossimo la Crystal Serenity, lussuosa città galleggiante da mille passeggeri della compagnia statunitense Crystal Cruises. A chiudere la stagione, il 14 novembre, sarà la Marina, in grado di ospitare 1.250 passeggeri, di proprietà della compagnia statunitense Oceania Cruises.

Il previsto consistente incremento di navi che approderanno in Costiera si dovrebbe poi tradurre nell’aumento anche nel numero di croceristi che sbarcheranno al pontile loro riservato al porto di Marina Piccola. Nel 2018 sono stati in totale 79.794, ben 24mila in più rispetto all’anno precedente. Per la prossima stagione si punta a superare quota 100mila.

Si tratta di turisti che si fermano a Sorrento per scoprire gli angoli più suggestivi della città e dedicarsi allo shopping, oppure si affidano a tour organizzati per escursioni verso le perle della Campania, da Napoli ad Ercolano ed il Vesuvio, da Pompei alla costiera amalfitana. Insomma i dati relativi agli accosti delle unità ed ai passeggeri che sbarcheranno a Sorrento delineano una stagione 2019 da incorniciare. Ma le infrastrutture per l’accoglienza non sono certamente all’altezza.

A Marina Piccola è stato realizzato un pontile per l’attracco dei tender. Ma una volta che i turisti mettono piede sulla terraferma iniziano i problemi. L’area portuale, infatti, è già troppo piccola per accogliere i turisti che si servono delle vie del mare per raggiungere Capri, Ischia e Napoli, ma quando in rada ci sono anche navi da crociera la situazione diventa caotica a causa dello stazionamento di decine di taxi (molti provenienti da Napoli) e bus navetta. Mezzi che per raggiungere il centro possono solo percorrere via De Maio, strada caratterizzata da larghezza della carreggiata ridotta e da stretti tornanti. Per risolvere il problema e decongestionare il porto di Sorrento da anni si spera nel percorso meccanizzato di collegamento con il parcheggio Lauro di via Correale. Progetto che prevede la realizzazione di 4 ascensori per una portata totale di 100 persone e poi un tracciato sotterraneo di circa 160 metri nel quale andranno installati dei tapis-roulant per agevolare gli spostamenti.