Capri Watch fashion & Accessories

Trova 10milioni di lire in casa, casalinga di Vico Equense ottiene il cambio in euro

lire

VICO EQUENSE. Trova in casa della madre poco meno di 10milioni di lire ma la Banca d’Italia rifiuta di convertirle in euro fino a quando non interviene il giudice di pace. Protagonista della vicenda, che prende le mosse nel 2011, è una casalinga di Vico Equense. Nell’abitazione della madre rinviene 9milioni e 600mila lire. A questo punto si reca presso la sede di Napoli di Bankitalia dove si vede rifiutare il cambio in quanto i termini erano scaduti.

Infatti il decreto Salva Italia varato dal governo Monti nel 2011, aveva anticipato dal 28 febbraio 2012 al 6 dicembre 2011 la scadenza entro la quale le banconote del vecchio conio potevano essere convertite. Nel 2015, la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la norma e la Banca d’Italia si è vista costretta a riaprire i termini per il cambio, ma solo per chi fosse in grado di provare di aver presentato la richiesta tra il 6 dicembre 2011 ed il 28 febbraio 2012.

La donna di Vico Equense a questo punto ci riprova, ma dalla Banca arriva un nuovo no al cambio. Decide, quindi, di ricorrere all’autorità giudiziaria chiedendo la conversione della somma in euro o la condanna di Bankitalia e ministero delle Finanze al risarcimento dei danni. Riesce a dimostrare, grazie alla testimonianza del marito e di un amico che l’hanno accompagnata presso lo sportello di Napoli della Banca e con la propria agenda di aver presentato la domanda di conversione il 6 dicembre 2011. Così il giudice di pace condanna Banca d’Italia e ministero a versare alla donna 4.957,99 euro, ossia l’equivalente dei 9milioni e 600mila lire.

Il magistrato ha infatti ritenuto che Banca d’Italia e ministero avrebbero dovuto fornire alla donna i documenti necessari per certificare di aver chiesto il cambio tra il 6 dicembre 2011 e il 28 febbraio 2012. Pretendendo, invece, che fosse lei a doverlo dimostrare, hanno tenuto un comportamento illegittimo che non trova giustificazione nella sentenza della Corte Costituzionale.