Capri Watch, fashion accessories

Tra 20 giorni la decisione del Riesame sul sindaco Tito

tito

Il pm Silvio Pavia della Procura di Torre Annunziata ha chiesto al Tribunale del Riesame di imporre le misure cautelari degli arresti domiciliari per il sindaco Giuseppe Tito e per l’imprenditore Antonino Staiano, il divieto di dimora per il comandante della polizia municipale Rocco Borrelli e per l’altro imprenditore Aniello Donnarumma. L’udienza che riguarda l’inchiesta su parcheggi, trasporto interno e luminarie, si è celebrata ieri mattina e la decisione sarà resa nota entro 20 giorni.

L’appello al Riesame è stato presentato dalla Procura di Torre Annunziata contro il rifiuto delle misure cautelari opposto dal Gip del Tribunale oplontino. Pavia ha ribadito ai giudici “la pericolosità della persona e del ruolo rivestito da Tito, capace di inquinare le fonti di prova e commettere altri reati”.

Di parere opposto il legale che assiste il sindaco di Meta, Paola Astarita, secondo il quale la richiesta di arresto va respinta perché priva di un solido quadro indiziario e riferita a (presunti) episodi di corruzione risalenti al 2012. Una strategia condivisa dai difensori delle altre persone coinvolte. Inoltre, Roberto Attanasio e Vincenzo Maiello, avvocati di Donnarumma, hanno sottolineato un altro aspetto: è difficile che un indagato commetta nuovi reati in una fase in cui è ancora alta l’attenzione di inquirenti e investigatori, visto che l’ultima informativa risale al 5 gennaio e le indagini sono state chiuse due mesi fa.