Torna “Nati per leggere”, l’iniziativa che avvicina i bimbi all’apprendimento tramite la lettura di libri da parte degli adulti

natiperleggere

SORRENTO. Si rinnova l’appuntamento con “Nati per leggere”, il progetto che educa i bambini all’ascolto della lettura dei libri.

 

Oggi pomeriggio, alle 16, presso la biblioteca di Sorrento di piazza Tasso, il primo incontro della serie che vede protagonisti i bambini dai sei mesi ai sei anni. I piccoli potranno ascoltare uno o più adulti leggere ad alta voce racconti e favole.

L’iniziativa, che segue in scia l’omonimo progetto nazionale nato nel 2002, è reduce a Sorrento da ottimi riscontri in termini di presenze, relativamente agli appuntamenti degli inizi del 2013 e della scorsa stagione estiva.

“Nati per leggere” nasce dall’alleanza tra le principali associazioni italiane di bibliotecari e pediatri. Considerata la straordinaria valenza culturale, e la risposta già entusiastica da parte delle famiglie sorrentine, si è registrata, fin dai primi incontri, la volontà politica di portare avanti il servizio di lettura in modo continuativo e permanente.

“La stimolazione e il senso di protezione che genera nel bambino il sentirsi accanto un adulto che racconta storie già dal primo anno di vita e condivide il piacere del racconto – ricordano i volontari impegnati nella lettura del sabato – è impareggiabile. Il beneficio che il bambino trae dalla lettura a voce alta, operata in famiglia in età prescolare, è documentato in molti studi: favorisce il successo scolastico in quanto i bambini iniziano a confrontarsi con il linguaggio scritto attraverso il quotidiano contatto con la lettura mediato dai loro genitori”.

L’iniziativa, promossa dall’assessorato alla Pubblica istruzione del Comune di Sorrento (guidato da Maria Teresa De Angelis), è organizzata da Nuova Paideia (che ha donato i libri), con la preziosa collaborazione di volontari ed esperti di settore.

RIPRODUZIONE RISERVATA