Tassa di soggiorno: I b&b la spuntano ed ottengono la riduzione

municipiosorrento

SORRENTO. Dopo le polemiche dell’anno scorso i titolari dei bed and breakfast hanno strappato la riduzione dell’imposta di soggiorno per i loro ospiti.

L’amministrazione comunale ha diffuso le tariffe previste per il 2013: Resta tutto invariato a parte l’adeguamento dei b&b agli importi pagati dagli hotel a 3 stelle e non più come quelli a 4 stelle.

Nella delibera di Giunta che ha fissato le nuove tariffe si legge che la riduzione della tassa per i soggiorno per i b&b è avvenuta “in considerazione della loro particolarità e dell’apporto marginale degli stessi rispetto all’ammontare complessivo del gettito”.

Il tariffario, quindi, prevede che per i clienti di hotel fino a 3 stelle, campeggi, ostelli ed ora anche b&b, il tributo è pari ad 1 euro al giorno, cifra che lievita a 1 euro e 50 centesimi per gli hotel a 4 stelle, fino ad arrivare ai 2 euro per i 5 stelle.

“La decisione è giunta al termine di numerosi incontri con i rappresentanti delle associazioni di categoria – spiega il sindaco, Giuseppe Cuomo -. Abbiamo così superato anche i dissensi dell’anno scorso. Inoltre si è deliberato, con proposta passata al vaglio del Consiglio comunale, di cambiare il regolamento e prevedere che gli autisti, le guide e gli accompagnatori dei gruppi organizzati non siano soggetti alla tassa di soggiorno, così come gli ospiti del Comune che partecipano ai vari eventi promossi dall’amministrazione. Sono soddisfatto del risultato raggiunto nell’ultimo anno, dal momento che, grazie alle somme incassate, siamo riusciti ad evitare aumenti delle tasse comunali che avrebbero gravato su cittadini ed imprenditori”.