Tartaruga in difficoltà salvata tra Punta Campanella e Capri

recupero-tartaruga-capri

Nuotava con difficoltà nelle bocche di Capri, il tratto di mare tra Punta Campanella e l’isola azzurra. Una tartaruga della specie Caretta Caretta annaspava e non riusciva ad immergersi. E così è stata avvistata e recuperata da Roberto De Angelis a bordo della sua imbarcazione. Rimessa in mare, ha mostrato le stesse difficoltà e a quel punto è stato contattato il Centro di primo soccorso Tartanet dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella.

Gli operatori del Parco Domenico Sgambati e Nicola Guida sono prontamente intervenuti e la sfortunata Caretta è stata subito soccorsa. Aveva una ferita sul carapace. A quel punto è stata immediatamente trasferita alla stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli per ricevere le cure del caso. Ora sta meglio e la ferita sembra quasi del tutto rimarginata.

“Prosegue con vigore il programma di tutela di questo meraviglioso abitante dei nostri mari – fanno sapere dall’Area marina di Punta Campanella -, grazie anche alla sensibilità di pescatori e diportisti. Sono oltre 150 le tartarughe salvate dal Centro in questi anni. Un’attività che i vertici del Parco, il direttore Antonino Miccio e il presidente Michele Giustiniani, hanno sempre sostenuto e che intendono proseguire.

Il network campano per la tutela di questo meraviglioso animale, infatti, ha ottenuto risultati importanti, come dimostrano le nidificazioni su alcune spiagge del Cilento. Sono ormai 6 i nidi lungo le coste campane. Nei giorni scorsi sono nate numerose tartarughine a Palinuro e Pisciotta e i volontari del progetto Mare del Parco Marino di Punta Campanella hanno partecipato alle attività di controllo del nido”.