Capri Watch, fashion accessories

Studenti di tutto il mondo a caccia dei tesori di Sorrento

Bastione-di-Parsano

Dal 15 al 18 marzo la città di Sorrento ha aperto le porte ad una sessantina di studenti universitari, tra ingegneria edile, edile/architettura ed Erasmus Mundus Dyclam provenienti da quattordici Paesi extraeuropei, intenzionati a studiare ed elaborare progetti per la valorizzazione dell’immenso patrimonio architettonico fortificato che la città nasconde.

Grazie alla collaborazione della Fondazione Sorrento e del Comune, che hanno messo a disposizione gli ambienti della Villa Fiorentino, dell’Istituto polispecialistico “San Paolo” e la sala consiliare del Comune di Sorrento, l’Istituto Italiano dei Castelli (che da anni si occupa della conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione dell’architettura fortificata) ha potuto organizzare e promuovere un workshop di quattro giorni sul tema “Sorrento: Città fortificata”, utilizzando un format organizzativo creato e sperimentato da un decennio dalla professoressa Marina Fumo, consigliere scientifico dell’Iic nonché responsabile del corso “Progetto di recupero edilizio” presso il dipartimento di Ingegneria edile, civile e ambientale.

BastionediParsano

Il workshop è stato articolato in tre fasi: il primo giorno di conoscenza del tema e del territorio dove numerosi esperti, professori e professionisti hanno condiviso le proprie competenze con gli studenti, i quali, una volta usciti dalla sala conferenze, hanno percorso l’intero perimetro murario della città antica, guidati dall’architetto Antonio Amitrano, riscoprendo le cinque porte della città, le mura ed i bastioni coperti di rovi e superfetazioni. Il secondo ed il terzo giorno sono stati dedicati alla fase creativa dove gli studenti, coordinati dalla professoressa Marina Fumo e dai suoi assistenti, hanno collaborato sinergicamente all’elaborazione di ben otto progetti e una serie di proposte di valorizzazione del patrimonio culturale da cui le associazioni locali potranno trarre importanti spunti creativi.

La giornata finale dedicata all’esposizione da parte degli studenti delle proprie idee ad un pubblico di professionisti ed amministratori locali, anche attraverso la mostra delle tavole progettuali elaborate. L’obiettivo del progetto è quello di sensibilizzare le autorità e le imprenditorie locali alla valorizzazione di un patrimonio così importante, eppure dimenticato, e di offrire spunti strategici ed innovativi per lo sviluppo del territorio. Si forniranno molti stimoli per la rivalutazione del sistema fortificato, risorsa culturale perfettamente integrabile nel sistema turistico ed economico, ma non tenuta in debita considerazione per motivi di consuetudine, di scarsa conoscenza ovvero ignoranza.