Sorrento si prepara alla Caccia al tesoro: ecco il regolamento

nemesie

SORRENTO. É un evento che negli anni è diventato un appuntamento attesissimo dalla città e dai suoi ragazzi. Parliamo della Caccia al tesoro, l’iniziativa che ogni anno tiene impegnati quasi mille giovani, tra indizi ed escursioni, tra gare ed esplorazioni per le strade della penisola sorrentina. Una rassegna cresciuta nel tempo, che ormai viene vissuta come il vero appuntamento del Natale.nemesi+ Per l’edizione 2014, inoltre, sono state introdotte delle importanti novità. La Caccia non sarà più organizzata dall’associazione “Il Cilindro”, ma da un nuovo sodalizio denominato “Nemesi”. Un taglio netto col passato, dopo le tante polemiche che accompagnarono l’ultima manifestazione. Non tutti sanno, infatti, che dopo la Caccia 2013 i capitani delle squadre vennero chiamati a votare la riconferma del comitato organizzatore. Riconferma che alla fine non ci fu. Una votazione dolorosa per tutti perché se questo gioco è così bello, molto lo si deve sopratutto ai ragazzi de “Il Cilindro”.

Ma da quest’anno si cambia. Dentro dunque una nuova squadra di organizzatori che vede come uniche riconferme Gianfilippo Liguoro e Emilio Fiorentino, mentre le new entry sono Luca Palladino, Andrea Minieri, Giuseppe Aulicino, Cinzia Cesarano e Luigi Esposito. Saranno loro che avranno il compito di organizzare e fare da arbitri della Caccia 2014. Non è un caso che il nome della nuova associazione è “Nemesi”, termine che deriva dal greco, con il quale veniva indicata la dea della giustizia. Già quella giustizia che è fondamentale per un gioco che vive di competizione.

Per dare subito un immagine di trasparenza si è deciso di prendere un organizzatore per ciascuna delle squadre storiche che partecipano alla Caccia. Una scelta che è parsa a tutti il giusto modo di iniziare un nuovo ciclo. Auguri dunque al nuovo comitato.

Tema dell’edizione 2014 saranno i trent’anni della Caccia. Già perché a Natale l’evento festeggia ben 30 candeline. L’appuntamento è per il 23 novembre al “Bar Leone Rosso” per la consegna dei documenti di iscrizione delle squadre. Poi il 30 sarà la volta della presentazione nella sala consiliare del Comune. A dicembre la Caccia entrerà nel vivo con la sfilata in programma il 21. Durante la cerimonia di presentazione delle squadre avverrà la riconsegna del forziere da parte dei Membri, che da tre anni dominano la kermesse. Prima dell’inizio ufficiale della manifestazione, tutte le squadre sono invitate a partecipare al momento iniziale di preghiera che si terrà alle ore 22 del giorno 25 dicembre presso la chiesa di Lourdes del rione Marano. Un momento nel quale si ricorderà certamente la figura di Liberato Iaccarino, il giovane sorrentino scomparso dopo una partita di calcio del “torneo dei Rioni”.

La competizione di quest’anno cercherà ovviamente di essere multidisciplinare, cercando dunque di sfiorare quante più materie possibile. Il sistema sarà lo stesso degli altri anni, ma con un’importante innovazione: il Comitato organizzatore non risponderà a nessuna richiesta di chiarimento in merito agli indizi prima della consegna della busta aiuto. Durante tale periodo di silenzio il comitato non darà alcuna indicazione neppure su luoghi e/o ragionamenti possibili (anche se corretti) proposti dai concorrenti. Tale periodo di silenzio potrebbe essere variato per sopraggiunte esigenze organizzative.

Anche dopo la consegna della busta aiuto il comitato non fornirà verbalmente alcuna indicazione sulle modalità di ragionamento per la risoluzione degli indizi. Al fine di garantire uniformità di interazione con tutte le squadre partecipanti è infatti bandito ogni aiuto verbale da parte del comitato.