Capri Watch, fashion accessories

Sorrento ricorda il grande Enrico Caruso

ristorante-caruso-sorrento-33

SORRENTO. Domani, venerdì 4 gennaio 2019, alle ore 20, tornano con la diciottesima edizione le “Serate Gastronomiche Culturali Carusiane”, ospitate nel Ristorante Museo Caruso. L’evento è promosso dallo storico del tenore, Guido D’Onofrio e dal patron del locale, Paolo Esposito. Alla serata, fra gli altri, interverranno alcuni familiari di Enrico Caruso: Federico Caruso, pronipote discendente diretto di terza generazione con la moglie Lavinia Giaccai; Gianfranco Caruso, nipote di Giovanni (fratello di Enrico Caruso).

Saranno inoltre presenti il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, con l’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis. Accompagneranno gli ospiti nel ricordo di Caruso, gli attori foggiani Pino Bruno e Maurizia Pavarini, collaboratori teatrali di Michele Placido, che interpreteranno con pathos una mini biografia del tenore, predisposta da Guido D’Onofrio.

Nel corso della serata verrà proiettato un dvd, realizzato da Guido D’Onofrio, dal titolo: “Sorrento, Terra delle Sirene e Caruso” con rarissimi filmati d’epoca del cantante lirico in America, e a Sorrento durante la sua permanenza nell’estate del 1921 presso l’Excelsior Vittoria, che ne conserva rare testimonianze nella suite che porta il suo nome.

Guido D’Onofrio, amico e collaboratore del figlio del tenore, Enrico jr. nella realizzazione della biografia paterna “Enrico Caruso my father and my family”, pubblicata negli USA nel 1990, è l’unica persona al mondo autorizzata ad accedere alla Cappella Caruso del Cimitero del Pianto di Napoli, per espressa deroga dello stesso Enrico jr., rispetto ad una precedente totale inibizione disposta dopo una vile profanazione da parte di ignoti avvenuta nel 1978.

Per la parte gastronomica della serata verrà servita una particolare cena con pietanze care al grande tenore con ingredienti che spaziano dai frutti di mare agli scampi, rucola e pomodorini del piennolo, taratufi e carciofi; pesce rombo all’acqua pazza e delizia al limone.