Sorrento piange la scomparsa dell’on. Giannino Casola

casolagiannino

 

SORRENTO. Quella di oggi è una giornata di lutto per la penisola sorrentina. Si piange la scomparsa dell’onorevole Giovanni Casola. Giannino, come lo chiamavano tutti, si è spento all’età di 86 anni.

Il primo a rammaricarsi della dipartita dell’onorevole Casola è stato il senatore Raffaele Lauro. I due erano legati oltre che dalla passione politica e dall’attaccamento alle radici sorrentine, da una profonda amicizia. Per questo le parole di commiato del senatore Lauro meglio di quelle di chiunque altro possono esprimere il cordoglio della penisola sorrentina e della politica nazionale.

“Con l’improvvisa e, per me, dolorosissima dipartita dell’on. Giovanni Casola – dichiara il senatore Lauro -, al quale ero legato da profondi, antichi e ricambiati sentimenti di affetto, di stima, di consiglio e di personale confidenza, mai sfiorati da una nube o da una incomprensione, scompare, a Sorrento, il mio migliore amico ed una parte fondamentale della storia della nostra amata Città e della Penisola Sorrentina, dal secondo dopoguerra ad oggi.

Il mio cuore è colmo di tristezza! La mia mente è affollata da bellissimi ricordi comuni, collegati alle nostre famiglie ed anche alla nostra diretta collaborazione, sempre fervida ed attiva, nell’amministrazione municipale di Sorrento.

La personalità di “Giannino” (per tutti era semplicemente “Giannino”, non l’onorevole, il Vice Sindaco o l’Assessore!) era straordinaria (e sarà irripetibile), per la non comune capacità di relazioni interpersonali, per la squisita sensibilità, per il continuo dialogo con tutti (a partire dalla gente comune!), per lo spirito di amicizia, per il senso dell’onore, per il garbo, la signorilità e l’eleganza del tratto umano, per l’attaccamento, quasi morboso, alla “Sua” Sorrento, per il rispetto della tradizione popolare, civile e religiosa della comunità, per lo spirito di servizio alla collettività e per l’assoluto disinteresse personale, dimostrato in tutti i pubblici incarichi ricoperti: da parlamentare nazionale ad amministratore locale.

Della nostra Sorrento, Giannino era diventato il simbolo civico vivente, la sintesi di tutte le virtù popolari sorrentine: la gioia di vivere, l’amore per gli altri, lo spirito dell’accoglienza, l’amicizia disinteressata, l’attenzione alla persone semplici e a chiunque si rivolgesse a Lui. Ti abbraccio, caro Giannino, e mi auguro che il Tuo senso di protezione nei miei confronti, di cui ho beneficiato per tanti anni, continui dal regno dell’amore divino, che, festoso, Ti accoglierà, mentre, affranto, io Ti piango”.

Raffaele

Alla famiglia Casola le condoglianze della redazione di Sorrentopress