Capri Watch fashion & Accessories

Sorrento: Nuova stazione elettrica e tutela ambientale

centrale-elettrica-sorrento

SORRENTO. In penisola sorrentina si sta realizzando il più grande progetto di disinquinamento ambientale che la storia ricordi. Grazie a Terna e alla determinazione dell’amministrazione comunale, Sorrento sarà il primo Comune completamente privo di tralicci di alta tensione; sarà il Comune che finalmente non avrà più quei trasformatori di grande impatto elettromagnetico situati ai piedi dei palazzi di via Marziale; sarà il Comune che demolirà, cancellerà, annienterà del tutto quel mega traliccio piazzato a ridosso della scuola media Torquato Tasso, da sempre ritenuto estremamente pericoloso per la scuola e le tante case circostanti.

E non basta. Sorrento avrà anche un approvvigionamento elettrico efficiente, avrà una stazione servita da due linee in cavo da 150mila volt in modo da eliminare una volta non per tutte, tutti i tralicci che insistono sul territorio comunale. Un risultato straordinario, una grande pulizia di smog atmosferico programmata da Terna e accolta con enorme favore dall’amministrazione comunale.

La nuova centrale, quella alimentata con cavi interrati, si sta già realizzando in un terreno acquistato da Terna a ridosso del cimitero comunale. Un’area che per decenni è stata completamente abbandonata tanto che i pochi alberi rimasti sono stati trovati completamente ricoperti dai rovi.

La stazione elettrica sarà servita da un cavo interrato proveniente da Castellammare e uno sottomarino proveniente da Capri. Una soluzione che consentirà a Sorrento e a Capri di avere una doppia alimentazione. Infatti Capri sarà collegata con Torre Annunziata e Sorrento e Sorrento con Capri e Castellammare. Una sicurezza totale, dunque, contro i blackout. Come sarà raggiunto questo risultato? Un piano di investimenti di Terna per migliorare la fornitura di energia in zone strategiche dal punto di vista turistico.

Sorrento e tutta la penisola sorrentina negli ultimi anni hanno subito lunghi blackout dovuti proprio al fatto che si operava con una centrale vetusta alimentata da una sola linea su tralicci. E la celerità con cui Terna sta portando avanti i lavori è la conferma ulteriore che si tratta di un intervento urgente perché la vecchia stazione elettrica di via Marziale non è neanche in grado di soddisfare le aumentate richieste di energia.

Insomma un piano straordinario che dispone di tutte le autorizzazioni necessarie per questi interventi e che gli stessi tecnici di Terna hanno spiegato in pubblico durante una pubblica assemblea tenuta nella sala consiliare del Municipio. E di fronte a tutto questo, francamente, sembra assolutamente fuori contesto l’iniziativa del responsabile locale del Wwf che si è rivolto alla Procura per il taglio degli alberi e la verifica delle autorizzazioni. Ben vengano le verifiche. Sugli alberi, Terna ha già assicurato che ne saranno tanti e che saranno piante sane. Inoltre, la nuova stazione sarà dotata anche di un parcheggio che potrà essere utilizzato contemporaneamente anche dagli avventori del cimitero comunale. Insomma per una volta la tutela, quella vera e non quella di facciata, è in prima fila. Ed è quella della salute dei cittadini.

di Antonino Pane da Il Mattino