Capri Watch, fashion accessories

Sindaci assenti, annullato il summit sui trasporti in penisola sorrentina

treno-circum-stipato

Trasporti in penisola sorrentina: Clamoroso e improvviso annullamento della riunione convocata per ieri mattina in Regione Campania. “Come una pallina che rimbalza contro un muro di gomma”, il commento di Sergio Fedele di Abbac Penisola Sorrentina.

Ma cosa è successo? Ecco la ricostruzione dello stesso Fedele:

Siamo stati convocati con i 6 sindaci dei comuni della penisola sorrentina dalla Regione Campania per affrontare la grandissima problematica dei trasporti in penisola sorrentina ed in particolare sulla crisi del servizio Eav. Avevamo esclamato: “finalmente”!

Chi segue Abbac Penisola Sorrentina sa che da oltre 10 mesi chiediamo sistematicamente e pubblicamente al presidente della Regione De Luca di convocare il Tavolo permanente per la accessibilità e il trasporto in Penisola Sorrentina con la partecipazione dei 6 sindaci, di Federalberghi, di Abbac e delle principali associazioni civiche.

Solo partendo da tale proposta di metodo si possono analizzare, valutare, mettere in campo e monitorare iniziative di breve, medio, lungo periodo definendo le relative priorita.

Due le precondizioni: La continuità e la compattezza dei sindaci.

Bene. Speravamo che potesse essere la partenza per questa iniziativa di metodo. Con ottimismo siamo partiti direzione Santa Lucia, sede regionale.

Ma durante il percorso, la doccia fredda. Arriva il messaggio che la riunione era annullata perché alcuni sindaci non avrebbero potuto essere presenti.

Disintegrate in un secondo le 2 precondizioni: La continuità e la coesione tra i sindaci.

La disorganizzazione ha raggiunto il top perché in mattinata siamo venuti a sapere che l’assessore Coppola di Sorrento e il vice sindaco Gargiulo di Sant’Agnello non erano stati informati dell’annullamento e si sono presentati lo stesso senza trovare più nessuno.

E noi, come una pallina inpazzita, continuiamo a rimbalzare contro i muri di gomma istituzionali mentre i residenti sono dannati nei vagoni infernali della Circumvesuviana, mentre i turisti sconcertati rilasciano recensioni terribili per le loro vacanze, mentre l’unica speranza per tutti noi rimane il teletrasporto.