Sequestrati i lettini da mare che la cooperativa Sant’Anna noleggia ai bagnanti di Marina Grande

bagnantiaMarinaGrande

SORRENTO. Il blitz è scattato un paio di giorni fa, quando gli uomini della Capitaneria di porto di Sorrento hanno apposto i sigilli alle attrezzature da mare della coop Sant’Anna.

 

I militari della guardia costiera sono intervenuti perché i lettini si trovavano su suolo demaniale senza che fosse stato pagato il relativo canone di concessione.

Fino a pochi giorni fa erano sistemati lungo la strada che attraversa il borgo dei pescatori. Poi sono cominciati i lavori per la realizzazione del palco per la manifestazione del Premio Caruso in programma a fine mese.

Ciò ha fatto sì che si dovesse provvedere a spostare i lettini per consentire agli operai di installare la struttura per la kermesse canora. Allora, gli operatori della cooperativa, li hanno spostati sull’arenile.

E questo ha portato al controllo da parte della Capitaneria di porto ed al successivo sequestro.

Gli uomini del comandante Raffale D’Urso, infatti, hanno appurato che la coop agiva secondo il dettato normativo, sistemando, cioè, i lettini sulla spiaggia, solo dietro richiesta dei bagnanti. Però, al tempo stesso, le attrezzature non possono essere tenute sull’area demaniale in attesa della clientela, se prima non è stato versato il canone di concessione per l’area che si occupa all’ente competente, che, in questo caso, è il Comune di Sorrento.

Ciò ha portato al sequestro per l’occupazione abusiva di suolo demaniale di due pedane in legno, sulle quali erano sistemati, in totale, circa 140 lettini da mare. Successivamente la guardia costiera ha notificato gli atti relativi alle verifiche anche all’ufficio Demanio marittimo di piazza Sant’Antonino per le iniziative di competenza dell’ente.

Dal Comune, nel frattempo, fanno sapere che la cooperativa non potrà ottenere una nuova concessione per l’occupazione di suolo pubblico per l’estate in corso, se prima non provvederà a saldare alcune pendenze pregresse. Risulta, infatti, che la coop Sant’Anna deve versare alcuni canoni relativi agli anni 2011 e 2012.

Nei giorni scorsi gli uffici comunali hanno provveduto ad effettuare i conteggi di quanto dovuto ed ora si attende il pagamento da parte dei responsabili della cooperativa, prima di poter assegnare la nuova concessione.

RIPRODUZIONE RISERVATA