Sabato termina la quarta Edizione di “Vespri d’organo in Costiera” con Enza Caiazzo

enza-caiazzo-2

SORRENTO. Sabato 13 Dicembre alle ore 19 presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie si concluderà la quarta Edizione di “Vespri d’organo in Costiera”, rassegna musicale organizzata dall’Associazione Organistica “Giovanni Maria Trabaci”, il cui direttore artistico è il maestro Mauro Castaldo, titolare della cattedra di Organo e composizione organistica presso il Conservatorio di Benevento. Protagonista della serata sarà Enza Caiazzo, docente di clavicembalo presso del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli.

Il concerto è un viaggio itinerante nell’Europa musicale degli anni in cui visse il grande musicista francese. La musica e le parole illustreranno il suo percorso compositivo parallelamente a quello dei suoi più importanti contemporanei. Il clavicembalo, “Ambasciator cortese nell’Europa musicale del ‘700” ne sarà il protagonista.

Artista di fine temperamento, Enza Caiazzo è nata a Napoli, città che ha profondamente influenzato la sua formazione. Dopo il Diploma in Pianoforte, si è dedicata esclusivamente allo studio della musica antica, diplomandosi in Clavicembalo con il massimo dei voti sotto la guida di M. C. Sieni.
Allieva di Ferruccio Vignanelli, Annaberta Conti e Kenneth Gilbert, ha proseguito i suoi studi in Italia e all’estero. Il repertorio del suo nutrito curriculum concertistico, come solista, in formazioni cameristiche di vari organici, in orchestra e in duo clavicembalistico, è valorizzato dalla presenza sia di musiche inedite o poco eseguite, che la impegnano in un sottile lavoro di scelta interpretativa, sia di monumentali capolavori. Uno su tutti le Variazioni Goldberg di J.S. Bach.
La sua esecuzione di oltre 150 Sonate di Domenico Scarlatti ha riscosso il plauso di pubblico e critica, grazie a una serie di concerti dedicati al grande musicista napoletano.
All’attività concertistica affianca un sincero e importante impegno didattico.
Attiva in Italia e all’Estero (recentissima la sua partecipazione al progetto Erasmus presso l’Accademia Musicale Paderewski di Poznan in Polonia, dove ha tenuto una Masterclass sulla Scuola Napoletana del ‘700), è titolare della cattedra di Clavicembalo presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.
I suoi Corsi, Seminari e Masterclass sono incentrati sulle problematiche inerenti alla prassi esecutiva della musica tastieristica del periodo barocco