Ruba valigia a sacerdote straniero, condannato a 2 anni e già libero

polizia-stazione-napoli-ladro

Un cittadino del Mali di 32anni, è stato arrestato, ieri mattina dagli agenti della sezione “Volanti” dell’Ufficio di polizia giudiziaria della Questura di Napoli. L’accusa nei confronti dell’uomo è quella di furto pluriaggravato, in quanto ha rubato una valigia-trolley di proprietà di un sacerdote straniero, giunto a Napoli con un gruppo di preghiera.

Il prete, guida spirituale di un gruppo di turisti stranieri, proveniente da Catania a bordo di autobus, era disceso al terminal in corso Arnaldo Lucci. Il ladro, approfittando della confusione creatasi nello scaricare i bagagli, si è impossessato del suo valigia, allontanandosi.

Il gruppo di turisti, accortisi del furto dopo 5 minuti dal loro arrivo, hanno notato il ladro nella Stazione Centrale che si trascinava dietro il trolley, allertando la Polizia di Stato. Singolare il bottino del furto, in quanto all’interno della valigia, rinvenuta dopo che era stata forzata, erano custodite 7 paia di scarpe, dei libri religiosi ed una Bibbia di particolare valore, in quanto facente parte di una tiratura limitata.

I poliziotti, prontamente intervenuti, hanno bloccato il 32enne, conosciuto agli archivi di Polizia con vari alias, trovandolo in possesso delle scarpe che, nel frattempo, aveva nascosto in uno zaino che portava a spalla, ma non dei libri e della Bibbia, di cui si era disfatto durante la fuga.

Processato con rito per direttissima, nella giornata di ieri, è stato condannato alla pena di 2 anni, al pagamento delle spese processuali, oltre ad una multa di 400 euro e rimesso in libertà. Ciò significa che è pronto a commettere nuovi furti.