Ruba uno scooter a Vico, rocambolesca fuga via mare

carabinieri-scooter

VICO EQUENSE. Ieri pomeriggio i carabinieri hanno arrestato un 17enne di Santa Maria la Carità, con precedenti per reati inerenti gli stupefacenti, per furto aggravato di scooter.

Tutta la vicenda è stata caratterizzata da un inseguimento prolungato, con scene quasi da film d’azione, per terra e per mare, che si è concluso con l’arresto del minorenne.

Il ragazzo, infatti, mentre si trovava presso la Marina di Seiano, dopo aver adocchiato un ciclomotore parcheggiato sulla strada, se ne è impossessato forzando il blocco di accensione ed il bloccasterzo ed dandosi alla fuga.

Nel frattempo, però, il proprietario che era nei paraggi, si è accorto del fatto e, anche grazie alla ridotte dimensioni della strada per la quale stava fuggendo il minorenne, è riuscito a bloccarlo contestandogli il furto.

Vistosi scoperto, il 17enne è fuggito a piedi inseguito dal proprietario dello scooter e da un amico di quest’ultimo. Contestualmente, sopraggiungeva verso la Marina di Seiano anche una pattuglia in auto della polizia municipale di Vico Equense che notava subito la scena anomala del ragazzo inseguito dagli altri due.

Il 17enne, vista la macchina dei vigili urbani, decideva, quindi, di fuggire via mare, lanciandosi in acqua e dirigendosi verso il largo.

Gli inseguitori ed un vigile urbano, allora, con un piccolo gozzo privato, raggiungevano in mare il ragazzo e, visto che cominciava ad essere in difficoltà, gli lanciavano un salvagente e lo invitavano a salire a bordo. Il 17enne, però, dopo aver ricevuto la “ciambella” di salvataggio, anziché salire sull’imbarcazione, decideva, agevolato dal galleggiante, di proseguire la sua fuga a nuoto dirigendosi verso la spiaggia privata di una vicina struttura alberghiera.

Nel frattempo giungevano presso la Marina di Seiano anche i carabinieri della stazione di Vico Equense, un militare saliva anche lui a bordo del natante mentre l’altro, in auto, si dirigeva verso l’albergo che il ragazzo tentava di raggiungere a nuoto.

Dopo circa un chilometro di bracciate, il ladro raggiungeva la spiaggia e cercava di fuggire ancora a piedi, ma veniva bloccato finalmente dai carabinieri che, uno via mare ed uno via terra, erano sopraggiunti e lo avevano fermato, portandolo in caserma.

Il 17enne è stato, quindi, arrestato per furto e condotto a Napoli presso il centro di prima accoglienza dei Colli Aminei.

Durante le concitate fasi della discesa dal natante per raggiungere e bloccare il reo in fuga, il carabiniere ha riportato una piccola lesione medicata presso l’ospedale di Vico Equense.