Ripartono le vie del mare, scali a Seiano e Sorrento

vie-del-mare

“I flussi turistici vanno consolidati. Dobbiamo sfruttare i picchi che la nostra regione sta avendo per guardare al futuro con maggiore serenità”. Vincenzo De Luca presenta la stagione 2018 delle vie del mare e invita tutti, sindaci e armatori, a fare ancora d più. Il presidente della Campania è chiaro: “La Regione fa la sua parte anche nel turismo. Le vie del mare, ma anche la promozione dell’arte, dell’archeologia, delle nostre infinite risorse ambientali. Siamo impegnati su tanti fronti per sopperire anche alle carenze di altre istituzioni”. E poi più direttamente: “A Napoli città è la Regione che si fa carico di tutte le iniziative culturali”.

Per le vie del mare la Regione ha lanciato un bando triennale. Si va da Bacoli a Sapri passando per Seiano, Capri e tante altre località. Le due linee Cilento Blu e Archeolinea, gestite dal gruppo Alilauro e Alcost collegheranno Napoli con la Costiera Cilentana, Salerno, la Costiera Amalfitana, le aree Flegree e Vesuviane e Capri. In tutto saranno toccate 19 località della costa campana con navi veloci. Una politica di integrazione delle località lungo la costa e di nuove opportunità da offrire ai turisti. Con 16 euro si va da Bacoli a Sapri, passando per Pozzuoli, Capri, Torre Annunziata, Castellammare di Stabia, Seiano, Sorrento, Positano, Amalfi, Salerno, e poi in Cilento, fino ad Agropoli, San Marco, Acciaroli, Casalvelino, Pisciotta, Palinuro, Camerota e Sapri.

“L’obiettivo – spiega Salvatore Lauro, presidente di VolaViaMare – è non solo di incrementare i flussi turistici rendendo più agevole il trasferimento via mare, ma soprattutto, quello di rendere maggiormente competitiva l’offerta turistica degli operatori su scala nazionale. Lo sfruttamento delle vie del mare, per una mobilità più agevole, veloce, sicura e di minore impatto ambientale è una strada che da anni il gruppo Lauro persegue e che auspica possa trasformarsi da semplice esperimento estivo a stabile proposta di mobilità in grado di soddisfare le esigenze della collettività”.

Due le linee. Cilento Blu, dedicata maggiormente alle località balneari, e Archeolinea che punta sul turismo culturale quest’anno include anche Seiano di Vico Equense. “Con questo scalo – spiega Salvatore Di Leva amministratore di Alilauro Gruson – si riducono tempi e costi di spostamento, in quanto si è stimato che per spostarsi da Napoli a Positano sfruttando le vie del mare si risparmiano fino a 100 minuti (nelle ore di traffico intenso) abbattendo di oltre il 40% i costi e contribuendo a salvaguardare l’integrità di luoghi che per la loro stessa architettura non possono ospitare un traffico veicolare eccessivo”.

La linea 1, con partenza da Salerno, il sabato e la domenica, toccherà Agropoli, San Marco di Castellabate, Acciaroli, Casal Velino, Pisciotta, Palinuro, Camerota.

La linea 2 dal lunedì al venerdì da Salerno raggiungerà i porti di Agropoli, San Marco di Castellabate, Amalfi, Positano e Capri.

La linea 3/A dal martedì al giovedì partirà da Sapri per Camerota, Pisciotta, Casal Velino, Capri, Napoli.

La linea 3/B – il lunedì e venerdì – collega Sapri con Palinuro, Acciaroli, San Marco di Castellabate, Capri, Napoli.

La linea 1 di Archeolinea dal martedì al venerdì da Amalfi giungerà a Positano, Sorrento, Seiano, Castellammare, Torre Annunziata, Napoli Beverello, Pozzuoli e, Bacoli.

La linea 1A dal martedì al venerdì partirà da Bacoli per Pozzuoli, Napoli Beverello, Torre Annunziata, Castellammare, Seiano, Sorrento, Positano e Amalfi.