Ricchi industriali russi tentano di acquistare l’Hilton Sorrento Palace

L’Hilton Sorrento Palace nel mirino di ricchi magnati russi.

Secondo indiscrezioni, che al momento non trovano conferme, sembra che sia in corso un tentativo di acquisto della maggiore struttura alberghiera della penisola sorrentina. La cifra che sarebbe stata messa sul piatto è di tutto rispetto: 100milioni di euro. Dalla famiglia Russo, proprietaria dell’Hilton Sorrento Palace, non arrivano conferme circa la trattativa, anzi, il patron del lussuoso hotel, Giovanni Russo, smentisce categoricamente. Eppure le voci si rincorrono, soprattutto nell’ambiente degli albergatori di Sorrento. Ad essere interessata all’acquisto sarebbe una cordata di capitalisti dell’est Europa. Ricchi industriali attirati dalla fama internazionale della struttura ricettiva in grado di accogliere migliaia di turisti grazie alle 400 camere e suite di cui dispone, oltre che dagli altri servizi che offre alla clientela: 5 sale ristorante, 7 piscine ed un centro congressi da 3300 posti.

Se l’affare dovesse andare in porto un altro pezzo della penisola sorrentina finirebbe nelle danarose mani di imprenditori russi. Negli ultimi anni, infatti, due delle ville più belle di Sorrento e dintorni sono state acquistate da magnati dell’est. La colonizzazione si è aperta nel 2006 con l’acquisto di Villa Nicolini, che sorge nella zona del rione Cappuccini a Sant’Agnello. Dopo un intenso lavoro di restyling, curato dall’ingegnere Antonio Elefante, l’antica dimora ora è più bella che mai. Lo scorso febbraio, invece, è stata la volta di Villa Tritone, che è stata venduta dall’armatore Mariano Pane per circa 35milioni di euro.