Capri Watch fashion & Accessories

Quintali di rifiuti rimossi dal Miglio Blu di Massa Lubrense

pulizia-miglio-blu-massa

Risplende di nuovo di luce propria il Miglio Blu, il suggestivo e romantico tratto di costa pedonale che collega Marina della Lobra alla Riviera di San Montano, oggetto, nella giornata di ieri, di un attento e professionale maquillage da parte di più associazioni di volontariato della penisola sorrentina, coordinate dal Comune di Massa Lubrense, dalla Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia, dalla divisione di Marevivo Penisola Sorrentina.

“Una giornata dedicata alla tutela dell’ambiente con particolare attenzione alla prevenzione dell’inquinamento marino – ha dichiarato soddisfatto dell’iniziativa, Michele Giustiniani, presidente dell’Area marina protetta di Punta Campanella -. L’ennesimo riconoscimento della Bandiera Blu che premia gli sforzi fatti per presentare un territorio ed un mare ancora incontaminato è possibile anche grazie ai tanti volontari, a cui siamo particolarmente grati, che operano in silenzio e con grandi sacrifici”.

Rosalba Giugni, presidente nazionale di Marevivo, dalla vicina Capri ha manifestato partecipazione e gratitudine a tutte le associazioni di volontariato che hanno partecipato all’operazione di bonifica del Miglio Blu. “Sono particolarmente felice dell’instancabile lavoro dei volontari di Marevivo Penisola Sorrentina, presenti nel quotidiano lungo le coste e le spiagge della costiera con spirito di sacrificio ed amore per la natura, impegnandosi a fondo per la tutela e salvaguardia dell’intero ecosistema marino”.

pulizia-miglio-blu-massa-1

Giovani in rappresentanza delle varie associazioni presenti sul territorio (Area marina protetta Punta Campanella, Cooperativa Marina della Lobra, società di gestione dei rifiuti Terre delle Sirene, Pro Loco Massa Lubrense, Cooperativa Sociale Alma e Associazione Fondali Campania), in perfetta sinergia e gomito a gomito con i benemeriti organizzatori dell’iniziativa, il sindaco di Massa Lubrense, Lorenzo Balducelli, il comandante di Locamare Massa Lubrense, primo maresciallo Giovanni Provenzano, coordinato dal Capo del Compartimento Marittimo di Castellammare di Stabia, capitano di fregata, Ivan Savarese, Maria Rosaria Di Natale, presidente Marevivo Penisola Sorrentina, hanno ridato col proprio incessante lavoro di pulizia, dignità turistica e balneare ad un tratto di costa affacciato su uno specchio di mare particolarmente caro alle sirene che vi elessero il proprio domicilio.

La presenza di ville romane (da quella di Pipiano proviene il magnifico ninfeo esposto al museo Vallet a Piano di Sorrento) così come la famosa “pietra di Massa”, simile al piperno ma più tenera allo scalpello, usata per rivestimenti di edifici, portali, sedili, per lastricare strade grazie alle sue qualità antisdrucciolevoli, la facile accessibilità e la stupenda posizione (di fronte allo scoglio del Vervece, santuario dei sub), con lo sguardo rivolto all’isole di Procida, Ischia e Capri, abbracciando l’intero golfo di Napoli, rendono il miglio blu un angolo di Paradiso alla portata di tutti.

Dalle ore 9 alle 12 sono stati raccolti molti rifiuti e materiali vari portati dalle violente mareggiate invernali e primaverili, che hanno richiesto l’intervento di ben quattro furgoni della società Terra delle Sirene per il trasporto nei siti di stoccaggio. Massima la collaborazione dei proprietari dei suoli sovrastanti nella pulizia del costone così come particolarmente gradita la libera colazione offerta dai gestori del residence “Le Nereidi”.

“Si è trattato di una vera e propria attività di bonifica da tutto quello che può mettere a rischio l’incolumità di turisti, villeggianti e bagnanti – ha spiegato il comandante di Locamare Massa Lubrense, Giovanni Provenzano . Una iniziativa a cui dare seguito per offrire un’estate tranquilla agli ospiti di Massa Lubrense e di cui anche a nome del comandante del Circondario Marittimo di Castellammare, Ivan Savarese, ringraziamo tutti i partecipanti”.

“Sono rimasto particolarmente impressionato dal lavoro e partecipazione di tanti giovani provenienti da tutta la penisola sorrentina animati da sani principi e passione per il territorio e l’ambiente – ha dichiarato il sindaco Lorenzo Balduccelli -. Di tutto ciò ringrazio quanti hanno reso possibile questa iniziativa dimostrando soprattutto amore per il territorio e la nostra città”.