Pugile-rapinatore picchia turista sulla Circum

carabinieri-circum

Ennesimo sconcertante episodio di cronaca su un treno della Circumvesuviana. Ieri sera i carabinieri della stazione di Torre Annunziata hanno arrestato Gennaro Cozzolino, 23enne di Torre del Greco, già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile di rapina aggravata ai danni di un giovane professionista piemontese.

I fatti sono avvenuti presso la stazione della Circumvesuviana della città oplontina. Il turista è sul treno e sta usando il suo smartphone di ultima generazione. Quando si aprono le porte un giovane sale a bordo. strappa il telefonino dalle mani del professionista, scende e scappa. La vittima insegue il malfattore. Dopo una corsa di qualche metro il furfante inciampa, cade e viene raggiunto dal giovane che rivuole il suo telefono.

Il malcapitato è, però, ignaro del fatto che il suo aggressore è un giovane atleta che fa pugilato. Il rapinatore si rialza e inizia a sfogare tutta la sua rabbia scaricando una raffica di pugni addosso al poveretto (procurandogli lesioni che i medici dell’ospedale cittadino hanno giudicato guaribili in 25 giorni salvo complicazioni).

Qualcuno degli altri passeggeri chiama i carabinieri. Nel frattempo interviene il personale dell’Eav e presta la prima assistenza al ferito, mentre il rapinatore si allontana. Dopo pochi minuti arriva un’altra pattuglia di militari.

Sul posto c’è un signore che ha scattato una foto al rapinatore, la trasmette a un carabiniere usando una chat, il militare la fa girare sul gruppo dei colleghi. Il farabutto viene così bloccato da un’autoradio a poca distanza dalla stazione, riconosciuto grazie alla foto arrivata in tempo reale. Si tratta di Gennaro Cozzolino.

Dopo le formalità di rito il 23enne viene trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma di Torre Annunziata, sarà processato oggi con rito direttissimo.

Sul proprio profilo Facebook Cozzolino aveva pubblicato un post poco prima di essere arrestato dal decisamente raccapricciante considerato l’accaduto: “Cerco di aiutare sempre il mio prossimo, anche se il mio prossimo non aiuterebbe mai me”.