Proposta del Wwf ai sindaci della penisola: vietare i botti di Capodanno

Botti-di-capodanno-illegali

Un invito ai sindaci della penisola sorrentina perché emettano ordinanze che vitino l’utilizzo di fuochi pirotecnici a Capodanno. L’iniziativa è del Wwf penisola sorrentina che a tale proposito ha inviato una nota a tutti gli amministratori pubblici da Vico Equense a Massa Lubrense.

“Lo scoppio dei fuochi artificiali in piena notte causa agli animali danni inimmaginabili – sottolinea Claudio d’Esposito, presidente del sodalizio ambientalista -. Negli uccelli un botto causa uno spavento tale che li induce a fuggire dai dormitori (alberi, siepi e tetti delle case), volando al buio alla cieca anche per chilometri, andando a morire sfracellati addosso a qualche muro, albero o cavi elettrici; quelli che riescono ad atterrare o a posarsi in qualche albero spesso muoiono assiderati a causa delle rigide temperature invernali e alla mancanza di un riparo. Nei gatti, e soprattutto nei cani, i fuochi d’artificio creano stress e spaventi tali da indurli a fuggire dai propri giardini e recinti, per scappare dal rumore a loro insopportabile, finendo spesso vittime del traffico o di ostacoli non visibili al buio. Negli animali degli allevamenti come mucche, cavalli e conigli, le conseguenze delle esplosioni possono provocare nelle femmine gravide addirittura l’aborto da trauma da spavento”.

“Va ricordato – aggiunge d’Esposito – che cani, gatti e piccoli animali domestici si spaventano quasi a morte per i botti della notte di San Silvestro; ciò è dovuto in particolare alla loro soglia uditiva infinitamente più sviluppata e sensibile di quella umana. L’uomo ha un udito con una percezione compresa tra le frequenze denominate infrasuoni, intorno ai 15 hertz, e quelle denominate ultrasuoni, sopra i 15.000 hertz. Cani e gatti, invece, dimostrano facoltà uditive di gran lunga superiori: il cane fino a circa 60.000 hertz mentre il gatto fino a 70.000 hertz”. Per questa serie di motivi dal Wwf è partita la sollecitazione ai sindaci per l’emissione di provvedimenti contro le esplosioni di botti durante il Capodanno.