Capri Watch, fashion accessories

Primi dati Arpac 2018, tutto pulito il mare della penisola sorrentina

penisola_sorrentina111

SORRENTO. Il mare della penisola sorrentina è tutto eccellente. Nessuna traccia (o quasi) di agenti inquinanti e di batteri da Vico Equense a Massa Lubrense. È quanto ha certificato l’Arpac con le prime analisi del 2018 effettuate sui campioni prelevati nei giorni tra il 16 ed il 18 aprile in diversi punti della costa.

I test eseguiti nei laboratori dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale hanno escluso tanto la presenza di escherichia coli ed enterococchi intestinali, quanto di rifiuti solidi, schiuma, mucillagine o anche di residui bituminosi e idrocarburi. Si rilevano solo dei valori leggermente alterati, che comunque non sforano i limiti di legge. È il caso della riviera San Montano, a Massa Lubrense, dove l’escherichia coli è arrivata a 53 su un massimo di 500, mentre a Punta San Francesco, a Sant’Agnello ha toccato quota 75. Presso la spiaggia di quest’ultimo Comune gli enterococchi intestinali sono pari a 31 su un massimo di 200 per 100 millilitri di acqua. Solo nella baia di Recommone, ancora a Massa Lubrense, i tecnici dell’Arpac hanno riscontrato la presenza di rifiuti solidi. Ben poca cosa che decisamente non può allarmare.

Tirando le somme, pertanto, si può affermare che il mare che bagna la penisola sorrentina è assolutamente pulito e adatto alla balneazione. Una buona notizia per residenti e turisti, si apprestano a prendere d’assalto le spiagge del litorale già in vista del lungo ponte festivo tra il 25 aprile ed il Primo maggio e poi nel corso dei mesi estivi. Soddisfatti anche gli amministratori pubblici che vedono ripagati i loro sforzi per garantire la pulizia delle acque avviati dopo le emergenze di due anni fa che portarono all’emanazione di una raffica di divieti di balneazione. Interventi che hanno visto in campo anche la Gori per ridurre la commistione tra acque bianche ed acque nere nelle condotte fognarie e per l’attività di contrasto agli scarichi illegali.

La buona qualità del mare dovrebbe anche agevolare i Comuni costieri che puntano a ottenere la Bandiera Blu. Mentre Massa Lubrense, infatti, è in corsa per ricevere per l’undicesimo anno consecutivo il vessillo rilasciato dalla Fee (Foundation for Environmental Education), per il 2018 si sono candidate anche Sorrento e Piano di Sorrento.