Presentato il nuovo impianto di videosorveglianza – video spot –

telecamere13

SORRENTO. Questa mattina presso la sala consiliare del Comune è stato presentato il nuovo impianto di videosorveglianza urbana. Un sistema di occhi elettronici con postazioni dislocate su 22 aree, per un totale di 43 telecamere, in grado di catturare immagini ad elevata risoluzione, inviate ad una nuova centrale operativa della polizia locale, attiva 24 ore su 24.

Presenti il sottosegretario al ministero della Difesa, Gioacchino Alfano, il dirigente della Direzione centrale dei servizi tecnico logistici e gestione patrimoniale del ministero dell’Interno, Amato Fusco ed il sindaco di Pagani, Salvatore Bottone. A fare gli onori di casa il primo cittadino di Sorrento, Giuseppe Cuomo, l’assessore alla Mobilità, Massimo Coppola e il comandante della polizia municipale, Antonio Marcia.

Cuomo, nel dare il benvenuto ha sottolineato come il nuovo sistema sarà determinante nel comprensorio cittadino, “per il forte potere deterrente che si riconosce universalmente a questo tipo di tecnologie, che nel contempo aumentano anche la percezione del livello di sicurezza e legalità in città”.

“Si tratta di un ampliamento del sistema di videosorveglianza comunale che si andrà ad aggiungere a quello già realizzato in passato con fondi comunali – interviene l’assessore Coppola -. L’intento è quello di rendere il territorio meno aggredibile da fattispecie criminose che rappresentano un grave ostacolo allo sviluppo economico, alla civile convivenza, alla qualità e produttività del lavoro e all’attrattività dei territori”.

“Il nuovo impianto sarà al servizio dell’intera penisola sorrentina – ha spiegato il comandante Marcia – per questo auspico una maggiore sinergia tra le polizie locali del comprensorio”.

Nel video che vi proponiamo, realizzato dalla Seti di Scafati, l’azienda che si è aggiudicata l’appalto per l’installazione del nuovo impianto, si vede come le telecamere sono in grado di cogliere gli attimi in cui potrebbero commettersi dei reati e consentire alle forze dell’ordine un intervento tempestivo. Nella clip vittime e malfattori sono degli attori, ma nel ruolo degli agenti della polizia municipale è stato impegnato l’autentico personale dei caschi bianchi di Sorrento.