Capri Watch - Fashion Accessories

Premiati i lavoratori del turismo della penisola sorrentina – foto –

premio-fedeltà-federalberghi-2019-1

SORRENTO. Nella sede di Federalberghi Penisola Sorrentina è stato consegnato il Premio Fedeltà, promosso dai vertici dell’associazione col sostegno dell’Ente Bilaterale Turismo Campania (Ebtc). A ritirare il prestigioso riconoscimento, nel corso della tradizionale cerimonia condotta dal giornalista Antonino Siniscalchi, sono stati 17 lavoratori del turismo andati in pensione nell’ultimo biennio al termine di una carriera che li ha visti per 25 o più anni al servizio della stessa azienda o nello stesso gruppo aziendale.

premio-fedeltà-2019-federalberghi

Si tratta di sette ex dipendenti dell’Hilton Sorrento Palace: Luigi Esposito (cucina), Vittorio Marciano e Francesco Rapisarda (sala), Gennaro Romano (bar), Umberto Schettino (facchino), Giovanni Di Maio (direzione), e Gabriella Ruoppo (centralino). A loro si aggiungono Andrea Cioffi, per 27 anni chef de rang dell’Hotel President, Vittorio Ercolano, cameriere di Palazzo Guardati, Lina Barbone, in passato cameriera in servizio presso le strutture ricettive del gruppo Manniello, e Salvatore Buonocore, con alle spalle una trentennale carriera da chef presso il Bellevue Syrene.

Riconoscimento anche per Laura Yaccarino, receptionist dell’Hotel Jaccarino, Saverio Cuccaro, maitre dell’Hotel Mediterraneo e Rosa Esposito, per anni in servizio presso l’Hotel Minerva. Completano l’elenco dei premiati Raimondo Dare, Gennaro Minieri e Vittorio Palumbo, rispettivamente economo, idraulico e responsabile della caffetteria e della dispensa del Grand Hotel Excelsior Vittoria.

“La nostra associazione – ha sottolineato Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi Penisola Sorrentina e membro del direttivo dell’Ente Bilaterale Turismo Campania – desidera esprimere particolare gratitudine ai collaboratori che, evidenziando particolare impegno e passione, hanno messo le proprie energie a disposizione delle strutture ricettive locali contribuendo a rafforzare ulteriormente la cultura dell’ospitalità che ha reso la Costiera una delle mete turistiche più note e apprezzate in tutto il mondo”.