Portano via l’acqua benedetta, mistero alla chiesa del Carmine

Acqua-benedetta1

SORRENTO. Nella chiesa della “Madonna del Carmine”, uno dei santuari più frequentate e visitati della città, che si trova al centro di piazza Tasso, da circa un mese, vicino all’acquasantiera posta all’ingresso è comparso uno strano cartello plastificato che recita: “La cattiva e reiterata abitudine di asportare l’acqua benedetta rende inutile questo servizio! Ci scusiamo di non poterlo più offrire… in attesa di soluzioni alternative”.

 Un fatto che ha lasciato a bocca aperta turisti e frequentatori abituali del santuario che più di una volta si sono lamentati per l’assenza dell’acqua benedetta. A quanto pare qualcuno, durante le funzioni religiose, mentre tutti sono impegnati a pregare, porta via con delle piccole bottiglie il liquido benedetto dall’acquasantiera. Generalmente la benedizione dell’acqua avviene il sabato di Pasqua, ma in tutte le chiese quando durante l’anno le scorte finiscono, si utilizza acqua normale (benedetta con una preghiera). Insomma un rituale Cristiano che a Sorrento non viene più praticato perché qualcuno porta via della semplice acqua dalla chiesa.

Una gaffe evidente del santuario che in molti hanno sottolineato anche domenica scorsa all’uscita della messa: “E’ solo un gesto che magari aiuta la gente, ci possono mettere anche l’acqua del rubinetto, alle persone serve solo credere” questo il commento di un gruppo di fedeli delusi dalla decisione dei monaci Carmelitani del santuario.

RIPRODUZIONE RISERVATA