Capri Watch, fashion accessories

Più corse e meno fermate sulla Napoli-Sorrento, il piano Eav per la domenica

caos-circum

Un piano di emergenza che consenta di evitare i problemi di domenica scorsa quando i vandali hanno distrutto i bordi sensibili delle porte, costringendo un treno a fermarsi alla stazione di Pompei, dove si sono riversati migliaia di viaggiatori inferociti. Per evitare il ripetersi dei problemi anche nella giornata di domani i vertici dell’Eav hanno studiato misure drastiche, in particolare per quanto riguarda la linea Napoli-Sorrento, quella più affollata nei fine settimana.

Domenica, infatti, non verrà effettuato il servizio tra Napoli, Scafati e Poggiomarino, eccezion fatta per tre corse al mattino ed altrettante la sera. Ci sarà un autobus sostitutivo che porterà gli utenti tra Poggiomarino e Torre Annunziata ogni 30 minuti. Ciò consentirà di recuperare 6 treni e alcuni turni di personale per sopperire anche alla carenza di macchinisti e capitreno, che verranno spostati sulla linea Napoli–Sorrento, quella che prevedibilmente sarà affollata da turisti ma anche di pendolari del mare.

Oltre al potenziamento, la linea Napoli–Sorrento avrà un programma di esercizio con corse a fermate alternate dalle 9 alle 15. Ciò vuol dire che il treno non si fermerà in tutte le stazioni. Per esempio, la corsa che parte alle 9:09 da Napoli per la costiera non farà soste a Gianturco, San Giovanni, Barra e Santa Maria del Pozzo, mentre la corsa delle 9:39 non fermerà a Torre Annunziata, Oplonti e via Nocera. Con questo sistema un treno raggiungerà molto più velocemente le mete turistiche di Sorrento e dintorni perché salta stazioni importanti e solitamente affollate. Ovviamente potrebbe accadere che gli utenti si riversino in massa nelle altre stazioni, per questo in Eav si parla di sperimentazione.

Poi c’è la guerra ai vandali che danneggiano le porte dei vagoni attraverso la rottura dei bordi sensibili, cioè le guaine di gomma attutiscono la chiusura. I teppisti lo fanno per far passare più aria nei treni affollati, ma un convoglio sprovvisto di bordi sensibili è pericolosissimo ed è costretto a fermarsi. L’Eav nella giornata di domani metterà a Napoli e Sorrento squadre di pronto intervento per riparare le porte rapidamente e far ripartire subito il treno. Non solo: ci saranno squadre di controllori in 10 stazioni e guardie giurate, alcune armate ed altre accompagnate da cani.