Pesca illegale al Banco di Santa Croce, intervento della Capitaneria

peschereccio-banco-santa-croce

VICO EQUENSE. Continuano i controlli da parte dei militari della Guardia Costiera a tutela della salute dei consumatori e per la verifica del rispetto della normativa nazionale e comunitaria in materia di contrasto delle attività illecite lungo l’intera filiera della pesca, messi in campo dal Capo del Compartimento Marittimo di Castellammare di Stabia, capitano di fregata Guglielmo Cassone.

In particolare, nella mattinata di ieri è stato individuato e sanzionato un peschereccio professionale (nella foto in alto) che aveva collocato una lunga rete da pesca dotata di attrezzi non consentiti nella Zona di Tutela Biologica denominata “Banco di Santa Croce”, del Comune di Vico Equense.

Dopo un’intensa attività di controllo ed appostamento, effettuata anche con l’ausilio di pattuglie terrestri prive dei contrassegni del Corpo e di altri dispositivi di segnalazione, iniziata già alle prime luci dell’alba, il personale militare decideva di intervenire intimando al pescatore S.G. di 54 anni originario di Torre Annunziata, di interrompere immediatamente le attività in corso, di salpare la rete e di uscire immediatamente dallo specchio acqueo ricadente all’interno del cosiddetto “santuario dei pesci”, che ospita diverse specie sia animali che vegetali, tra cui il corallo rosso, difficilmente individuabile nel bacino mediterraneo.

Al termine dell’operazione, i militari procedevano al sequestro di quasi 20 chili di specie ittiche tra cui triglie, cernie, orate, polipi, ed alla formale contestazione nei confronti del comandante del peschereccio delle violazioni alle norme in materia di pesca illegale, irrogando sanzioni amministrative per un totale di 4mila euro e confiscando tutti gli attrezzi utilizzati per l’illecita attività, oltre a sottrarre un totale di 14 punti sia sulla licenza di pesca ed sul titolo abilitativo del pescatore professionista.

L’intero quantitativo di prodotti ittici, dopo gli accertamenti condotti da personale veterinario dell’Asl Napoli 3-Sud di Castellammare di Stabia, intervenuti su esplicita richiesta dei militari, veniva dichiarato adatto al consumo umano ed è stato, quindi, donato in beneficenza ad enti ed istituti caritatevoli, tra cui alcuni istituti religiosi della zona che si occupano della crescita di piccoli bambini con alle spalle famiglie disagiate.

“Un’operazione che dimostra come il lavoro porti eccellenti risultati a tutela della salute pubblica – ha commentato il comandante Guglielmo Cassone –. Devo quindi esprimere il mio grande apprezzamento per l’impegno dei miei uomini e per la puntuale e preziosissima collaborazione fornita dal personale veterinario dell’Asl Napoli 3Sud, il cui supporto si è dimostrato, come sempre, essenziale. Devo però esprimere il mio grande rammarico nel constatare che ci sono ancora operatori professionisti del mare che, senza alcuno scrupolo, mettono a rischio l’habitat marino di una delle più belle e tutelate zone del Mediterraneo”.