Capri Watch fashion & Accessories

Ostello nel Conservatorio della Grazie, coro di no

conservatorio-delle-grazie

SORRENTO. Il Movimento 5 Stelle contro l’ipotesi di una struttura turistico-ricettiva al secondo piano del Conservatorio di Santa Maria delle Grazie. I senatori Michela Montevecchi e Sergio Puglia hanno inviato ai vertici della Soprintendenza di Napoli per bloccare l’iniziativa. I pentastellati ritengono che la legge non consenta che parte dell’immobile di piazza Sant’Antonino, donato alla città di Sorrento dalla nobildonna Bernardina Donnorso per farvi studiare i bambini delle famiglie povere, si trasformi in ostello.

Il Piano urbanistico comunale, infatti, in zona “A” ammetterebbe soltanto interventi volti al risanamento dell’organizzazione urbana, alla tutela dei beni culturali e ambientali e al restauro degli immobili di particolare pregio. Niente spazio, dunque, per altre finalità. Inoltre, secondo i parlamentari grillini, la normativa sembra ammettere la destinazione d’uso per attività turistico-ricettiva solo se già esistente. Senza dimenticare che per gli edifici vincolati dal Codice dei beni culturali sarebbe previsto solo il restauro. Da ciò la richiesta alla Soprintendenza dei senatori Montevecchi e Puglia di una la verifica dei presupposti per il rilascio delle autorizzazioni per garantire la tutela storico-architettonica del Conservatorio.

Il progetto prevede la possibilità per l’imprenditore Francesco Schisano di prendere in locazione parte dell’immobile, da destinare ad ostello, in cambio di un canone annuo crescente fino a 108mila euro e delle spese per i lavori di ristrutturazione. Contro questa ipotesi, oltre ai parlamentari del Movimento 5 Stelle sono scesi in campo anche altri sette gruppi che, proprio nelle scorse ore, hanno dato vita a un movimento civico. Hanno aderito la compagine consiliare che fa capo all’ex sindaco Marco Fiorentino, l’associazione dei cittadini contro le mafie e la corruzione, Sorrento Bene Comune, Sorrento Tua, La Riviera, l’associazione Esse ’84 e il circolo locale dei Vas.

Tutti concordano nel chiedere di bloccare la trasformazione del Conservatorio in ostello, così come di realizzare il parco pubblico al posto del parcheggio di via Rota ed al rilancio del Capo di Sorrento, de Le Tore e del parco del Museo Correale. Il movimento, inoltre, chiede che il Vallone dei Mulini torni di proprietà comunale e che sia il Comune a realizzare il collegamento tra il porto di Marina Piccola ed il parcheggio Lauro.