Ordinanza “anti-barbari” sulle spiagge di Sorrento

Spiaggia San Francesco

SORRENTO. Il Comune corre ai ripari per evitare che la situazione degeneri come l’anno scorso, quando sulla spiaggia di San Francesco si verificarono furti e risse tra ragazzi e le proteste sbarcarono sul web. Fu proprio l’assessore Raffaele Apreda con un post su Facebook a scatenare i commenti inferociti dei sorrentini. Quest’anno per evitare che la situazione si ripeta il Comune ha messo in campo un’ordinanza battezzata “anti-barbari”, che consiste in un regolamento super-rigido per gli arenili sorrentini.

Un insieme di norme e divieti per regolare la vita sulle spiagge a cui hanno lavorato il sindaco, Giuseppe Cuomo e l’assessore al Demanio, Mario Gargiulo.

Divieto di fare pic-nic, cucinare e portare in spiaggia materiale infiammabile. Bandito completamente il pallone e i racchettoni da tennis, salvo nelle zone adibite ed attrezzate. Vietato portare qualsiasi tipo di animale in spiaggia, anche se munito di museruola e guinzaglio. Stop assoluto alla musica in spiaggia, in particolare dalle 13 alle 16. Assolutamente vietato l’esercizio di attività commerciali, sia in forma fissa che itenerante. Oltre ai divieti, il Comune fissa anche degli altri paletti per le strutture balneari che da oggi dovranno obbligatoriamente essere aperte dalle 8:30 alle 19:30, offrire un efficiente servizio di salvataggio, esporre i prezzi e riportare anche le agevolazioni per i residenti. Il numero di ombrelloni sulla spiaggia deve essere tale da non intralciare la circolazione dei bagnanti, rispettando queste misure: 3 metri tra le file e 2,5 tra gli ombrelloni della stessa fila.