Oggi nuove analisi delle acque marine

SORRENTO. Oggi è una giornata decisiva per i Comuni della costiera dove ancora sono in vigore i divieti di balneazione. I tecnici dell’Arpac preleveranno campioni d’acqua al largo della spiaggia del Purgatorio di Meta, a Marina Piccola e Marina Grande a Sorrento e a Marina di Puolo a Massa Lubrense. Se, come si spera, le analisi escluderanno la presenza di batteri fecali, i sindaci potranno revocare completamente le ordinanze anti-tuffi emanate dopo Ferragosto.

Intanto non si fermano i controlli sulla rete fognaria, sugli scoli delle acque bianche e lungo gli alvei dei valloni della penisola sorrentina. Operazione che vede impegnata la Guardia Costiera di Sorrento e di Castellammare di Stabia. Guidati dai comandanti Raffaele D’Urso e Antonio De Santis e coordinati dal capitano di fregata Savino Ricco, i militari stanno passando al setaccio la costa tra Meta e Massa Lubrense alla ricerca di eventuali scarichi abusivi.

A supporto degli uomini della Capitaneria ci sono anche una motovedetta ed un elicottero con a bordo una termocamera capace di captare le differenze di temperatura: un sistema di telerilevamento utile per verificare possibili sversamenti di liquami fognari nei rivoli. L’acqua dei torrenti, infatti, ha una temperatura minore rispetto ad eventuali reflui. Qualora la termocamera ravvisi la presenza di materiale fecale, questo viene raffigurato come una macchia di colore più acceso rispetto a quello dell’acqua. Associando ogni macchia a determinate coordinate geografiche, i militari contano di risalire alle abitazioni e alle attività commerciali che smaltiscono illegalmente i liquami fognari.

Il filmato girato dalla termocamera sarà poi analizzato dal Comando generale delle Capitanerie di porto di Napoli. I risultati delle verifiche saranno disponibili nel giro di dieci giorni per poi essere eventualmente trasmessi al pubblico ministero di Torre Annunziata Antonella Lauri, che dal 2014 indaga sui casi di inquinamento marino in costiera.

Nel frattempo continuano anche le verifiche tecniche della Gori. Ieri, un team di sommozzatori della società che gestisce le risorse idriche in gran parte della Provincia di Napoli ha scandagliato i fondali di Marina Grande a Sorrento, mentre gli operai hanno proseguito i controlli sulle condotte fognarie nel centro della città.