Capri Watch fashion & Accessories

Oggi disagi in Circumvesuviana, soppresse 50 corse

Circum11

Oggi si prevede siano una cinquantina le corse della Circumvesuviana che saranno soppresse e solo 5 saranno sostituite con autobus. In pratica quella odierna sarà una nuova giornata di disagi per i pendolari che proveranno a prendere un treno, nonostante in questo periodo non siano molti. Anche ieri le soppressioni sono state decine.

Cancellazioni provocate da un’agitazione del personale ferroviario, per lo più i macchinisti, che stanno rifiutando le ore di straordinario. Come si legge in una nota diffusa dal sindacato Orsa i lavoratori dell’Eav, in questi giorni, stanno protestando contro la direzione aziendale, che “nascondendosi dietro il Covid-19, cerca di imporre le proprie volontà, non rispettando accordi sindacali liberamente sottoscritti oltre alle procedure previste dalla normativa vigente in termini di rapporti coi sindacati in situazioni di conflittualità tra le parti”.

“In questi ultimi due anni – spiegano ancora i sindacalisti – sono stati sottoscritti accordi importantissimi che hanno portato notevoli risparmi economici, incrementi delle entrate finanziarie, aumento della produttività e della flessibilità di impiego dei lavoratori. Allo stato attuale l’Eav è inadempiente nei loro confronti, negandogli il corrispettivo economico previsto da tali accordi”.

“I dirigenti aziendali poi, non certamente paghi di queste loro mancanze, cercano anche di sottrarsi alle proprie responsabilità e, dovendo adeguarsi alla nuova normativa in materia di sicurezza prevista dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria (Ansf), invece di risolvere tecnicamente il problema, così come previsto dalle norme, le scaricano sui lavoratori attraverso “artifici” che si limitano alla misera formazione, insufficiente e spesso deleteria alla risoluzione del problema. Riteniamo, invece, che la reale responsabilità – concludono dall’Orsa – è solo di chi negli ultimi 4 anni non ha provveduto ad adeguare la rete ferroviaria ai nuovi standard di sicurezza e, ad oggi, cerca solo di mettere pezze”.