Nuovo blitz di Capitaneria e caschi bianchi a Marina Grande

controlli-marina-grande

SORRENTO. Nuovo blitz a Marina Grande contro le occupazioni abusive di aree demaniali e gli ormeggi non autorizzati. Alla fine sono stati rimossi diverse boe e reti da pesca, oltre a cime e corpi morti rimossi. Inoltre una quarantina di barche dovranno essere allontanate dall’arenile e censite entro sette giorni.

L’operazione è stata condotta ieri mattina presso l’antico borgo dei pescatori di Sorrento dai militari della Capitaneria di Porto e dagli agenti della polizia municipale. All’attività hanno collaborato anche i tecnici del Comune ed i subacquei del secondo nucleo della Guardia Costiera di Napoli.

Le forze dell’ordine, quindi, hanno provveduto ad eliminare gli ormeggi abusivi utilizzati da alcuni pescatori di Marina Grande. Poi hanno passato al setaccio le concessioni per l’occupazione dell’arenile. Proprio su un piccolo tratto di spiaggia, la Capitaneria ha individuato 40 imbarcazioni da pesca utilizzate come supporto a unità più grandi ma non regolarmente censite. Per questo motivo ai proprietari è stato imposto un termine di sette giorni per sgomberare l’area e comunicare i dati delle imbarcazioni alla Guardia Costiera.

La settimana scorsa, nel corso di un’operazione analoga, sono stati denunciati cinque titolari di stabilimenti balneari e ristoranti che occupavano abusivamente suoli demaniali.