Nuove linee di bus per gli studenti della penisola, mentre crescono i disagi per gli utenti del trasporto pubblico

turistiinattesadeibusaSorrento

SORRENTO. Un servizio di collegamento tra Vico Equense e Sorrento ed un altro tra Massa Lubrense e Napoli, riservati esclusivamente agli studenti.

 

Nel primo caso la nuova linea è stata attivata dalla Curreri Viaggi e si articola attraverso una coppia di corse, con partenza giornaliera alle ore 7.25 dalla stazione di Vico Equense. Il rientro, fino al 31 ottobre, è fissato alle ore 13 dalla stazione di Sorrento, mentre, dall’inizio di novembre, la partenza dalla città del Tasso sarà spostata alle ore 14. Il costo del biglietto è di 1,50 euro per la singola corsa, mentre l’abbonamento mensile costa 40 euro.

A Massa Lubrense, invece, il Forum dei Giovani, in collaborazione con la Autoservizi Universal srl di Castellammare, ha organizzato anche per quest’anno un collegamento diretto in autobus tra il Comune costiero e Napoli. Il servizio è partito lunedì scorso e sarà attivo dal lunedì al venerdì. Sono tre i collegamenti quotidiani con partenza da Massa Lubrense ed altrettanti per il ritorno. L’autobus partirà dal centro cittadino per poi proseguire verso Sorrento, Vico Equense, Napoli centro e Fuorigrotta, fino alla sede universitaria di Monte Sant’Angelo. Le partenze da Massa Lubrense sono alle ore 6.05, 6.30 e 9.50. Da Napoli alle ore 14, 16.10 e 17.50. Per ulteriori informazioni sugli orari e sul percorso si può visitare il sito web della Autoservizi Universal, www.autoserviziuniversal.it., oppure la pagina Facebook del Forum dei Giovani di Massa Lubrense.

Sul fronte dei trasporti, intanto, si registrano tensioni tra gli utenti per accaparrarsi i posti sugli autobus o nei treni.

Negli ultimi giorni nell’area della penisola sorrentina si sono registrati diversi casi di intolleranza tra coloro che tentano di conquistare un minimo di spazio a bordo dei mezzi pubblici. Contrasti che in qualche caso sono sfociati in autentiche risse, sedate solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine. Litigi che hanno visto come protagonisti studenti e turisti. Brutti episodi che accendono ancora una volta i riflettori sulle carenze del trasporto pubblico nell’area della penisola sorrentina.

“Da quando le scuole hanno riaperto i battenti il caos è quotidiano – sottolinea Diego Corace, sindacalista della Fit-Cisl ed autista della Sita -. Purtroppo le linee non sono sufficienti ad assicurare un servizio decente alle migliaia di utenti che ogni giorno si servono dei nostri automezzi”.

Una situazione insostenibile, che crea problemi ai pendolari ed anche ai turisti. “Il vero problema – aggiunge Corace – è che negli ultimi giorni, su indicazione degli enti competenti, è stato attuato un drastico taglio delle corse che sono state ridotte del 10 per cento in virtù della soppressione di quelle straordinarie”.

Insomma meno bus e più utenti grazie alla riapertura delle scuole. “Dal 16 settembre sono state ripristinate le linee per il trasporto degli studenti – precisa il sindacalista della Fit-Cisl – e questo ha portato al ridimensionamento delle altre corse con conseguenze disastrose, in particolare per quelle già superaffollate dirette verso la Costiera Amalfitana”.

RIPRODUZIONE RISERVATA