Nuova frana a Ponte Orazio, i pompieri salvano alcuni cani

frana-ponte-orazio-1332018

PIANO DI SORRENTO. Erano da poco trascorse le 13 quando si è verificato un nuovo smottamento in località Ponte Orazio, nell’area interna al Vallone, per fortuna senza danni alle persone. I vigili del fuoco del distaccamento di Piano di Sorrento, immediatamente accorsi sul posto, si sono accertati che non ci fossero persone coinvolte nella frana ed hanno posto in salvo tre cani. Il fronte del crollo è stato consistente e successivamente si è ripetuto.

frana-ponte-orazio-1332108-1

Presso la zona interessata dall’evento si è portato il sindaco di Piano di Sorrento, Vincenzo Iaccarino, insieme alle forze dell’ordine. Oltre ai pompieri c’erano anche Protezione Civile, carabinieri e polizia municipale che, insieme ai funzionari dell’ufficio Tecnico comunale hanno effettuato sopralluoghi per accertate l’entità dei danni e mettere in sicurezza la zona. Una stradina interna al vallone è stata interdetta, ora si dovrà procedere con tutti gli accertamenti del caso. Il primo cittadino di Piano di Sorrento ha poi contattato il Genio Civile e la Protezione Civile della Campania per fare il punto sulla situazione.

“È superfluo ricordare che dal primo giorno del mio mandato ho acceso i riflettori sullo stato molto critico in cui versano i nostri valloni realizzandone una mappatura e presentando la situazione direttamente al presidente della Regione, Vincenzo De Luca affinchè si individuassero le forme di finanziamento per un intervento che, ogni giorno che passa, diventa sempre più necessario ed urgente – spiega il sindaco Iaccarino -. Qui parliamo di un precario assetto idrogeologico di questo territorio già pesantamente provato e dove sempre più spesso si stanno verificando incidenti franosi, crolli, smottamenti. Una situazione che merita la massima attenzione e che continueremo a sottoporre alla Regione affinchè si possa decidere un intervento di messa in sicurezza generale e di recupero di questo eccezionale patrimonio purtroppo devastato ma pesantemente a rischio per la pubblica incolumità”.