Non più solo inglesi, a Sorrento sbarca il turismo con gli occhi a mandorla

turista1

SORRENTO. Stamane le strade del centro cittadino erano affollate di turisti, che hanno scelto la città del Tasso per trascorrere il giorno della Liberazione. Corso Italia, centro storico e il porto tra le zone più affollate, tutte con la stessa piacevole novità: tanti visitatori orientali che armati di macchina fotografica si muovevano in comitive per le strade della città.

 

La nostra terra, da sempre colonia di inglesi e americani, inizia a raccogliere consensi anche in oriente. Negozi, bar e ristoranti stracolmi, nonostante il clima non sia dei migliori.

“Posto fantastico, ci stiamo divertendo, ieri siamo stati a Positano e Ravello, oggi visitiamo Sorrento e domani Pompei. Ovunque fino ad ora abbiamo mangiato bene. Complimenti. L’unico problema sono i trasporti, la Circumvesuviana era affollatissima e senza aria condizionata. Un’esperienza tremenda”.

Questo è il commento di una turista proveniente da Tokyo, che assieme al marito e al figlio sono in vacanza in Italia per 3 settimane. Ancora una volta prendiamo complimenti per il posto, per il cibo e per l’ospitalità, ma non siamo in grado di offrire servizi allo stesso livello.

RIPRODUZIONE RISERVATA