No al posto barca per la scuola nautica

marina-cassano

PIANO DI SORRENTO. Nessun posto barca nel porto di Marina di Cassano per la scuola nautica Gargiulo. Lo ha stabilito il Tar Campania che ha respinto il ricorso presentato dal titolare Alessandro Gargiulo. La vicenda risale al 2009, quando la Regione, alla vigilia dell’inizio dei lavori per il nuovo porto di Piano di Sorrento, firma un atto di indirizzo con il quale si impegna ad assicurare il posto barca ai soggetti già titolari di una concessione. Tra questi c’è proprio la scuola nautica Gargiulo, che in precedenza ha ottenuto dal settore Demanio di Palazzo Santa Lucia il permesso di occupare uno specchio di mare all’esterno del porto di Marina di Cassano. La concessione riguarda un’area di 21 metri quadri, destinata all’ormeggio e allo stazionamento di una barca a servizio della scuola nautica.

Una volta ultimato il nuovo porto, però, la Regione inizia a delimitare le aree portuali da quelle non portuali. E il posto barca della scuola di Piano viene eliminato. A certificare la situazione, ci pensa una nota trasmessa da Palazzo Santa Lucia al Comune nel giugno del 2010. Il titolare della scuola nautica Alessandro Gargiulo si rivolge ai giudici amministrativi per ottenere l’annullamento del provvedimento della Regione, in quanto la nota contrasterebbe con l’atto di indirizzo con cui la Regione si era impegnata a confermare il posto barca ai soggetti già titolari di una concessione.

I giudici amministrativi, quindi, respingono il ricorso presentato dai legali della scuola nautica Gargiulo e accolgono la tesi della Regione, stabilendo che l’atto di indirizzo del 2009 non ha natura vincolante. Probabilmente la decisione definitiva arriverà da parte del Consiglio di Stato, cui il titolare della scuola sembra orientato a ricorrere.