Capri Watch, fashion accessories

Nel golfo lo yacht di 80 metri della famiglia reale saudita

montkaj

E’ arrivato ieri pomeriggio al porto di Castellammare di Stabia lo yacht di 80 metri Montkaj di Mohammad bin Fahd bin Abdul Aziz Al Saud, principe della famiglia reale saudita. Il principe arrivato in serata all’aeroporto di Napoli ha scelto il nuovo approdo “Stabia Main Port” per iniziare la propria vacanza. Dopo l’imbarco è partito in direzione di Capri con il resto della flotta, altre due unità di 70 e 44 metri.

maxiyacht-porto-castellammare-1

A coordinare il tour e i servizi tecnici l’agenzia Marittima Luise Group, con 22 sedi in Italia, nei più importanti approdi della Nazione, e altre 16 sedi con dipendenti diretti nel resto del mondo. L’arrivo dello yacht Montkaj oggi celebra un’altra importante tappa per Stabia Main Port, che da maggio sta lavorando senza sosta con superyacht e Gigayacht provenienti da tutto il mondo, da Chopi Chopi a Saluzi, da SS Delphine ad Axioma.

“E’ una scommessa vinta per tutta la città – commenta il sindaco di Castellammare di Stabia Antonio Pannullo – la collaborazione con la Capitaneria di Porto, concessionario, Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale sta garantendo una riconversione di un porto ormai commercialmente fermo in turistico, garantendo occupazione e nuovo slancio economico alla città”.

maxiyacht-porto-castellammareUna svolta epocale riuscita grazie agli imprenditori locali Raffaele ed Alessandro Esposito che hanno investito per la riconversione del molo di sottoflutto del porto Antico di Stabia, trasformandolo in Stabia Main Port, Francesco Luise dell’Agenzia Marittima Luise Group che sta credendo nell’iniziativa consigliando Stabia Main Port alla propria clientela internazionale di lusso e ad Assoagenti Campania, presieduta da Stefano Sorrentini, che hanno sposato l’iniziativa di recupero della facility garantendo le unità di agenzie storiche napoletane come la Holme e Klingeberg.

“Castellamare di Stabia è un porto strategico per i gigayacht e per i megayacht, per la sua collocazione al centro dei due Golfi di Napoli e di Salerno, con un retroterra unico di ricchezze culturali, artistiche e naturali. – commenta Pietro Spirito, presidente Autorità di Sistema Portuale del Tirreno centrale -. Riprendere l’eredità delle radici di uno degli approdi più storici del Mediterraneo è uno degli indirizzi di azione della Autorità di Sistema del Tirreno Centrale. Rilancio della Industria cantieristica, rappresentato dalla eccellenza di Fincantieri e nautica da diporto nel segmento a maggior valore aggiunto sono i due pilastri per lo sviluppo del porto di Castellammare”.

A coordinare servizi tecnici portuali, organizzazione dell’area e sicurezza dei nababbi del lusso che arrivano dal mare ci sta pensando la Capitaneria di Porto, guidata dal comandante Guglielmo Cassone, che ha dato il benvenuto al principe e alla sua scorta nella città delle acque.