Naviganti, raddoppia la durata dei periodi di imbarco

Msc

Marittimi della penisola sorrentina e dell’area vesuviana in fibrillazione per le nuove norme contrattuali che impongono il raddoppio della durata dei periodi di imbarco.

Ufficiali e marinai in servizio sulle navi della Italia Marittima di Trieste, a loro insaputa, si ritrovano con un accordo siglato ex novo che prevede il prolungamento del tempo di lavoro da 4 mesi e mezzo fino ad 8 mesi. Ciò è legato alla fusione della loro compagnia con la Evergreen Group di Taiwan ed alla conseguente volontà della dirigenza di uniformare i contratti di lavoro a livello internazionale. Contratto sottoscritto dalle sigle sindacali che non hanno informato la base dei contenuti dei nuovi accordi e da questo è nata la protesta dei marittimi del napoletano e di altre zone d’Italia. Per tentare di fare luce sulla questione domani pomeriggio, presso l’hotel Sakura di Torre del Greco, è in programma un incontro tra due funzionari della Italia Marittima ed i loro dipendenti.