Movida violenta, tre accoltellati

polizia-di-stato

Tre giovani della «Sorrento bene», arrestati dalla polizia per i reati di tentato omicidio, rissa e porto abusivo di armi. Si tratta di due fratelli, N.S. e S.S., rispettivamente di 22 e 25 anni, rinchiusi in carcere anche per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti perché trovati in possesso di 50 grammi di hashish. Insieme a loro è finito in manette anche un loro amico, A.M.V., di 23 anni.

I tre sono responsabili del ferimento di altri tre giovani durante una rissa consumatasi la notte scorsa lungo il corso Italia. La lite è scoppiata per futili motivi: uno sguardo di troppo ad alcune ragazze che uscivano da una pizzeria insieme ai giovani poi feriti durante lo scontro. La situazione è subito degenerata. Prima qualche parola di troppo, poi i coltelli. A riportare la peggio sono stati due 27enni, il primo colpito all’addome e l’altro all’emitorace sinistro. Per le loro gravi condizioni entrambi sono stati trasferiti al Cardarelli di Napoli dove sono ricoverati in prognosi riservata.

Il terzo ragazzo coinvolto nelle rissa, invece, si trova al Santa Maria della Misericordia di Sorrento per una frattura ad una mano. Anche i tre aggrediti sono stati denunciati a piede libero per rissa. Ad intervenire per primi sono stati i poliziotti del commissariato di Sorrento, i quali, nel corso del servizio di controllo del territorio, hanno notato nella zona tra piazza Lauro ed il corso Italia un assembramento di persone. Avvicinatisi hanno visto i tre feriti a terra. In pochi istanti gli uomini del vice questore Antonio Vinciguerra hanno ricostruito l’accaduto identificando gli aggressori nonostante si fossero allontanati dal luogo dove era avvenuta la rissa. Gli agenti li hanno trovati nelle loro rispettive abitazioni. Durante la successiva perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti e sequestrati 3 coltelli a serramanico – uno dei quali sporco di sangue – un manganello telescopico e la droga, che i due fratelli custodivano nella loro camera da letto. Il più giovane dei due, N.S., presentava anche una ferita da taglio alla gamba destra che è stata medicata sul posto da personale del 118 e giudicata guaribile in 20 giorni.