Mini appartamenti ed un bar abusivi sulla spiaggia, sequestrati

lido-abusivo-castellammare-12

La Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia, guidata dal comandante Guglielmo Cassone, nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro 2016”, svolge con cadenza quotidiana attività di controllo dei litorali e degli specchi acquei di propria competenza mediante un capillare monitoraggio delle coste e degli eventi che sulle stesse si sviluppano.

Nell’ambito di tali verifiche, questa mattina, gli uomini della Guardia Costiera, in collaborazione con gli agenti della Polizia Municipale di Castellammare di Stabia, diretti dal comandante Antonio Vecchione, hanno accertato l’occupazione abusiva sul demanio marittimo con una serie di opere realizzate sui tratti di arenile libero del lungomare Alcide de Gasperi.

lido-abusivo-castellammare-11

In particolare, gli approfondimenti investigativi eseguiti presso una struttura turistica nel Comune di Castellammare di Stabia, hanno portato alla luce un’occupazione abusiva di demanio marittimo di circa 2mila metri quadrati mediante la realizzazione di alcune opere: mini appartamenti dotati di ogni comfort, chiosco-bar, docce e servizi igienici, nonché un’area completamente adibita al rimessaggio ed al ricovero delle unità da diporto, che oltre a violare le norme urbanistico – edilizie, era effettuata in spregio alla normativa ambientale.

Su disposizione del Pm di turno della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, gli uomini della Capitaneria hanno posto sotto sequestro l’intera area demaniale abusivamente occupata e deferito all’Autorità Giudiziaria oplontina due persone, entrambe residenti a Castellammare di Stabia.

lido-abusivo-castellammare-13

Nel corso della stessa operazione, è stata anche accertata, a pochi metri di distanza, un’ulteriore occupazione di area demaniale marittima di circa 100 metri quadrati, mediante la realizzazione di due baracche adibite a deposito di attrezzature balneari quali lettini, sdraio ed ombrelloni. Anche in questo caso tutte le strutture balneari sono state sottoposte a sequestro e sottratte all’utilizzo del responsabile del lido abusivo, in modo da rendere nuovamente fruibile il tratto di arenile destinato alla libera balneazione.

Delle operazioni condotte, la Guardia Costiera di Castellammare di Stabia ha immediatamente informato, mediante le previste comunicazioni, gli Enti amministrativi preposti per il recupero delle indennità di abusiva occupazione di pubblico demanio marittimo. L’attività di repressione posta in essere contro gli illeciti in ambito demaniale proseguirà incessante anche nei prossimi giorni in tutta l’area di competenza, allo scopo di garantire il rispetto delle leggi e della legalità su tutto il litorale sorrentino-stabiese.