Matrimoni civili, varato il regolamento comunale

matrimonio-sorrentopress

MASSA LUBRENSE. L’amministrazione si dota di un nuovo regolamento per la celebrazione dei matrimoni con rito civile. Il provvedimento, già approvato dalla Giunta ed anche dal Consiglio comunale, entrerà in vigore ufficialmente tra quindici giorni.

I punti salienti del disciplinare sono quelli relativi alle location dove si può organizzare la cerimonia ed il tariffario.

In merito ai luoghi adibiti alle celebrazioni, l’elenco include la Sala Consiliare e l’ufficio del sindaco, l’antica residenza Cerulli, i Bastioni e l’area del Castello dell’Annunziata e tutti gli altri luoghi idonei di proprietà comunale o acquisiti alla disponibilità del Comune mediante apposita convenzione, da individuare con atto della Giunta, previa pubblicazione di avviso pubblico.

In merito ai costi, invece, è stata approvata una dettagliata tabella che distingue i residenti dai non residenti. Per i primi la cerimonia è gratuita se si tiene nei giorni feriali presso il Palazzo Comunale. Per la stessa location si pagano 200 euro se il matrimonio si celebra nelle giornate prefestive o festive. Se si sceglie il Castello dell’Annunziata o la residenza Cerulli, invece, si pagano 300 euro nei giorni feriali e 400 nei prefestivi e festivi.

Tariffe che lievitano per i non residenti. Se si decide di pronunciare il fatidico “sì” presso il Comune nei giorni feriali, bisognerà pagare 200 euro. Nei prefestivi il costo lievita a 300 euro e nei festivi si arriva a 400 euro. Per la residenza Cerulli o il Castello dell’Annunziata bisogna sborsare 400 euro nei giorni feriali, 500 nei prefestivi e ben 600 nei festivi.