Capri Watch - Fashion Accessories

Mare Sicuro 2017, il bilancio della Capitaneria sorrentino-stabiese

gommone-capitaneria

Si è conclusa l’operazione “Mare Sicuro 2017” della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia guidata dal comandante Guglielmo Cassone, che ha visto impegnati – dal 17 Giugno al 17 Settembre – uomini e mezzi della Guardia Costiera con l’obiettivo di garantire la sicurezza della navigazione, di salvaguardare la vita umana in mare e di tutelare l’ambiente marino e costiero, nel periodo di massimo incremento delle attività balneari, diportistiche e marittime in genere.

Come ogni anno, l’attività svolta è stata suddivisa in due fasi: quella preparatoria, avente lo scopo di sensibilizzare i cittadini, attraverso gli Enti locali, le associazioni di categoria, le associazioni di volontariato e gli incontri negli istituti scolastici, al corretto uso delle spiagge, degli specchi acquei e delle unità da diporto e quella operativa, nella quale sono stati intensificati i controlli sul territorio mediante il dispiegamento di pattuglie terrestri e unità navali effettuando, quando necessario, attività congiunte terra-mare.

Capitaneria-simulazione4

La Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia ha impiegato, lungo gli oltre 32 chilometri di costa di giurisdizione, 2 motovedette, 3 battelli veloci, con in media 40 uomini e donne impegnati quotidianamente per espletare i controlli in mare e sulle spiagge al fine di garantire il regolare e sicuro svolgimento delle molteplici attività connesse con l’uso del mare.

I controlli finalizzati soprattutto alla prevenzione delle situazioni di pericolo oltre che al contrasto dei comportamenti illeciti hanno consentito di assicurare il rispetto delle norme da parte dei gestori degli stabilimenti balneari, scoraggiare la pessima e pericolosissima abitudine della navigazione in zone normalmente destinate alla balneazione, assicurare il rispetto delle norme in materia di sicurezza della navigazione a bordo dei traghetti, aliscafi e degli altri mezzi veloci adibiti al trasporto di passeggeri.

Di seguito alcuni dati numerici dell’attività:
1 collisione in mare;
1 decesso;
15 persone salvate a seguito di interventi S.A.R., alcuni dei quali effettuati per carburante insufficiente;
539 controlli sul diporto con la redazione di 34 sanzioni amministrative ed una notizia di reato;
218 controlli sull’ambiente;
357 controlli sulla pesca con la redazione di 9 sanzioni amministrative e 15 informative di reato a carico di altrettanti soggetti deferiti all’Autorità Giudiziaria di Torre Annunziata;
2 controlli sul traffico mercantile.

Dai dati sopra elencati si può evincere un incremento dei controlli rispetto all’estate 2016 che ha di fatto, portato ad un incremento degli interventi S.A.R., ovvero di ricerca e soccorso in mare, con una crescita nel numero di diportisti soccorsi di circa il 40% rispetto all’estate scorsa.

Capitaneria-simulazione1

I dati di cui sopra sono frutto soprattutto dell’attività di prevenzione e di divulgazione posta in essere all’inizio dell’estate dal comandante Guglielmo Cassone che, unitamente agli incontri a tema avuti con i rappresentanti del settore turistico, le associazioni di categoria e rappresentanti dell’Area marina protetta di Punta Campanella, ha permesso di svolgere una fondamentale attività di informazione nel periodo antecedente l’inizio dell’estate, nonché di valorizzare e pubblicizzare ulteriormente l’importanza del numero Blu di emergenza 1530 ai fini di un’efficace e rapido intervento nelle operazioni di soccorso.

Nel corso della stagione estiva appena trascorsa sono stati rilasciati diversi “Bollini Blu” nell’ambito della ormai consueta iniziativa del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per evitare la sovrapposizione dei controlli posti in essere dalle forze di polizia operanti in mare, alle unità da diporto che sono risultate essere in regola con i documenti di bordo e con le dotazioni di sicurezza consentendo, dunque, verifiche più snelle nel caso in cui l’unità fosse stata sottoposta a successivi controlli.

Per quanto riguarda l’Area marina protetta di Punta Campanella è stata siglata apposita convenzione che ha consentito l’implementazione delle normali attività di monitoraggio e controllo nelle diverse stesse aree da parte dei mezzi del Corpo.

I principali eventi che hanno visto l’intervento dei militari della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia:
– Sinistro marittimo avvenuto in data 08/07/2017 nelle acque antistanti Punta San Lorenzo del Comune di Sorrento/Massa Lubrense in cui un natante a motore si è incendiato ed è successivamente affondato. Si è proceduto alla rimozione del relitto senza alcuna conseguenza per l’ambiente marino.
– Sinistro marittimo avvenuto in data 19/07/2017 in località Marina del Cantone nel Comune di Massa Lubrense che ha visto coinvolti due natanti da diporto con decesso di uno degli occupanti.
– Sinistro marittimo avvenuto in data 10/08/2017 nelle acque antistanti il porto di Torre Annunziata, tra un motopeschereccio ed una imbarcazione da diporto; in detta circostanza nessuno degli occupanti i mezzi coinvolti riportava lesioni.