Legambiente: In Campania treni vecchi ma aumenta il costo dei biglietti

circum-stipata

Tagli, inefficienze, servizi scadenti riducono i passeggeri e così calano i pendolari in Campania che nel 2017 sono stati 279mila facendo registrare un calo del 34% in 7 anni (erano 422mila). È quanto emerge dal rapporto Pendolaria 2017 di Legambiente secondo il quale dal 2010 i tagli ai servizi ferroviari sono stati pari al 15% a fronte di un aumento del costo dei biglietti del 48%. La spesa per i pendolari è pari allo 0,98% del bilancio regionale.

Non solo. I treni sono vecchi e lontani dagli standard europei: sono 367 i treni in circolazione sulla rete regionale con un’età media di 18 anni; il 63,5% ha più di 15 anni di età. A Napoli sono 81 i treni metropolitani con un’età media di 19,5 anni e il 77,8% ha più di 15 anni. “In Campania – commenta Legambiente – sono stati effettuati tagli complessivi del 15% al servizio dal 2010 ad oggi, mentre c’è stato un aumento delle tariffe del 48%”.

La Regione Campania investe ancora troppo poco per potenziare il servizio e comprare treni: la spesa per i pendolari è di 198 milioni di euro spesi tra servizi e materiale rotabile pari al 0,98% del bilancio regionale. Una spesa del tutto inadeguata perché ancora non sufficiente ad eliminare i gravi problemi che affliggono molte delle linee pendolari. In Campania continua ad aumentare l’età media dei treni, nonostante alcuni segnali di investimento e dei primi inserimenti di nuovi convogli nel corso degli ultimi mesi.

“La situazione dei pendolari – ha commentato Mariateresa Imparato, segreteria regionale Legambiente – è inaccettabile e insostenibile. Un fenomeno sociale che interessa poco ma che incrocia i grandi temi dell’attualità e i problemi che vivono ogni giorno le famiglie, di contrazione della spesa per l’aumento del costo dei trasporti e in particolare proprio di quello legato all’automobile, di inquinamento e congestione delle città. Gli amministratori e l’intera classe politica non possono più avere tentennamenti o alibi davanti alle esigenze e ai diritti dei pendolari e sono chiamati a scelte nette, chiare e prioritarie per raddoppiare il numero di persone che ogni giorno in Campania prende treni regionali e metropolitane”.

Una sfida sociale, economica e ambientale: investire sul trasporto pubblico significa far crescere le persone che si spostano in treno nelle città, contrastare lo smog, avere città più vivibili e sostenibili e far risparmiare le famiglie italiane.