Capri Watch fashion & Accessories

Le suore del Bambin Gesù di Sorrento e 5 ragazze trasgressive protagoniste in tv di Ti Spedisco in Convento

ti-spedisco-in-convento

Da oggi è disponibile, sulla piattaforma streaming a pagamento Discovery+, la prima edizione di Ti Spedisco in Convento, docu-reality prodotto da Fremantle, adattamento italiano del format internazionale Bad Habits, Holy Orders. Per un mese, cinque ragazze dal carattere ribelle, molto attive sui social, si trovano rinchiuse all’interno di un convento, in compagnia di altrettante suore pronte a domare i loro eccessi e a riportarle sulla “retta via”.

Il docu-reality si apre con un piccolo inganno: le ragazze sono inizialmente ignare della prova a cui dovranno sottoporsi, motivo per cui sono convinte di partecipare a un’avventura più consona ai loro standard di vita.

Nel momento in cui si ritrovano di fronte alle porte di un vero convento, le concorrenti si ritrovano costrette a calarsi negli usi e costumi della Congregazione delle Suore Oblate del Bambino Gesù, nel monastero La Culla di Sorrento, e ogni loro passo, umano e spirituale, viene seguito da Suor Daniela, l’ironica e autorevole Madre Generale della Congregazione capace di rimettere chi disubbidisce in riga con un solo sguardo. Oltre a lei, presente l’inflessibile Madre Superiora Suor Monica, che detta le regole ed i compiti della convivenza, la timida e riservata “nonna” Suor Felicita, e la giovane e spensierata Suor Analia, che con i suoi 28 anni e la sua allegria contagiosa porta buonumore e armonia tra le consorelle. Infine, la dolce e paziente Suor Arleide insegnerà alle ragazze l’amore per l’orto e il giardino, una delle attività centrali del convento.

Nel corso delle quattro puntate, le giovani dovranno quindi presto rinunciare alla loro quotidianità, fatta di social, sessioni di shopping, aperitivi e party esclusivi, per abituarsi alla rigide regole monastiche: ogni giorno, la sveglia suonerà all’alba e, come se non bastasse, saranno obbligate a recarsi a messa, a pregare, a fare le pulizie e a svolgere attività di carità, fino ad arrivare alle 22, orario in cui dovranno rispettare l’assoluto silenzio.

Questi due mondi completamente opposti, quello delle ragazze ribelli e delle suore, riusciranno a convivere? Una delle prove più difficili da affrontare per le “povere malcapitate” sarà senz’altro la riconsegna del cellulare, che farà da preludio all’adeguamento del loro abbigliamento alla sobrietà del luogo che le ospita. Ad inizio aprile il programma dovrebbe trovare spazio su Real Time.

Le ragazze protagoniste dell’esperimento sono Emilia per tutti Emy, ribelle, seducente, vive senza freni e inibizioni, Valentina, studentessa universitaria esigente e snob, Sofia, influencer globetrotter, modella e amante del lusso sfrenato, Stefania, diretta e aggressiva (non ha ancora piani per il futuro) e, infine, Wendy, l’eterna adolescente dall’animo introverso che vive più sui social che nella vita reale.