La polemica sulla “Bandiera Blu”, da Massa ci giungono perplessità

BandieraBlu

MASSA LUBRENSE. Pochi minuti fa è giunta in redazione questa mail: “Caro Direttore, è da tempo che mi chiedo cosa significhi Bandiera Blu e con quale criterio viene assegnata. Da anni sventola la Bandiera Blu nel nostro Comune, e mi domando quale beneficio il cittadino ne ricavi, quali vantaggi ottengono tutte le persone che vanno a Marina del Cantone per la salute! Le nostre spiagge sono sprovviste di: Attrezzature per disabili; bagni pubblici (per andare in bagno bisogna recarsi presso ristoranti o bar oppure recarsi agli angoli; docce e di cestini porta rifiuti. Inoltre, in riva al mare e in prossimità del pontile arrivano barche con motore acceso, scaricando gasolio in acqua, non ne parliamo poi della mancanza di posti auto. Avrei tanto da dilungarmi ma della spiaggia con la Bandiera Blu rimane solo il nome o forse viene attribuita per la copiatura di un atto o soltanto per interessi. Un cittadino di Massa Lubrense”.

Dopo aver letto questa mail siamo subito andati alla ricerca dei criteri di assegnazione della fantomatica “Bandiera Blu” e abbiamo scoperto che: “La presente procedura descrive i metodi ed i criteri utilizzati dalla FEE Italia per l’assegnazione delle Bandiere Blu alle spiagge, sul territorio nazionale. Tale procedura operativa è soggetta a revisioni annuali che tengono in considerazione le variazioni apportate al questionario Bandiera Blu e/o che tendono a rendere, nel tempo, più selettivi i criteri di idoneità. La Bandiera Blu ha valore solo per l’anno nel quale viene assegnata. Può essere rimossa in qualsiasi momento se si dovessero concretizzare i presupposti per tale provvedimento”.

Ecco il documento che spiega con precisione i criteri di assegnazione: Una spiaggia deve rispondere a tutti i requisiti, indicati di seguito con la lettera i (imperativo) e possibilmente al maggior numero dei requisiti indicati con la g (guida).

EDUCAZIONE AMBIENTALE E INFORMAZIONE

Le informazioni relative agli ecosistemi costieri, aree naturali e sensibili devono essere affisse (i)

Le informazioni sulla qualità delle acque di balneazione devono essere affisse (i)

Le informazioni relative al Programma Bandiera Blu devono essere affisse (i)

Il codice di condotta relativo all’area della spiaggia deve essere affisso e le ordinanze balneari devono poter essere disponibili al pubblico, quando richieste (i)

Un minimo di 5 attività di educazione ambientale devono essere offerte ogni anno (i)

 

QUALITA’ DELLE ACQUE

Conformità con i valori, previsti dalla Direttiva sulle Acque di Balneazione, relativamente ai coliformi totali, ai coliformi fecali e agli streptococchi (i)

Nessuna discarica urbana o industriale deve essere presente in prossimità della spiaggia (i)

Conformità alle Direttive sul trattamento delle acque reflue e sulla qualità delle acque di scarico (g)

Le alghe e gli altri tipi di vegetazione dovrebbero essere lasciati decomporre sulla spiaggia a meno che non creino fastidio (i)

 

GESTIONE AMBIENTALE

Un Comitato di Gestione della Spiaggia deve essere istituito e deve farsi carico della creazione di sistemi di gestione ambientale e di regolari audit sui servizi e sulle strutture della spiaggia (i)

La spiaggia e l’area circostante devono trovarsi nelle condizioni di massimo rispetto dei piani regolatori e della legislazione ambientale (i)

La spiaggia deve essere pulita (i)

Cestini per i rifiuti devono essere disponibili in numero sufficiente sulla spiaggia e nell’area circostante e devono essere regolarmente controllati e svuotati (i)

Servizi per la raccolta differenziata dei rifiuti devono essere disponibili sulla spiaggia e/o in prossimità di essa (i)

I servizi pubblici sulle spiagge devono essere adeguati e puliti, le acque di scarico devono essere allacciate al sistema fognario o recapitate in contenitori a tenuta stagna da svuotare in maniera appropriata (i)

Sulla spiaggia deve essere fatto rispettare il divieto di campeggio, di circolazione di autoveicoli o motoveicoli e deve essere proibito ogni tipo di discarica (i)

Deve essere strettamente osservato il divieto di accesso alla spiaggia di cani e di altri animali domestici (i)

Le costruzioni e le attrezzature di spiaggia devono essere tenuti in buono stato di conservazione (i)

Mezzi di trasporto sostenibili devono essere promossi nell’area circostante la spiaggia (g)

 

SERVIZI E SICUREZZA

Un numero adeguato di personale, servizi e attrezzature di salvataggio deve essere disponibile sulla spiaggia (i)

L’equipaggiamento di pronto soccorso deve essere disponibile sulla spiaggia (i)

Piani di emergenza per i casi di inquinamento o rischio per la sicurezza ambientale devono essere predisposti (i)

L’accesso alla spiaggia deve essere sicuro (i)

La spiaggia deve essere pattugliata (g)

Una fonte di acqua potabile deve essere disponibile sulla spiaggia (g)

Almeno una spiaggia Bandiera Blu per ogni Comune deve avere un accesso e dei servizi per disabili (i)

Una mappa con indicati i differenti servizi presenti sulla spiaggia deve essere affissa (i)

 

Dopo aver letto attentamente questa documentazione è chiaro che il mittente della lettera giunta alla nostra redazione, non ha proprio tutti i torti. Effettivamente per essere assegnata la Bandiera Blu bisogna adempire a caratteristiche precise e minuziose.

Allo stato attuale sembra davvero complesso riuscire a fornire questo conseguimento di qualità alle spiagge di Massa Lubrense.

RIPRODUZIONE RISERVATA