La penisola sorrentina alla Bit di Milano

bit-2016

SORRENTO. Apre oggi i battenti la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, principale punto di riferimento per gli operatori del settore e per gli appassionati di viaggi. Per tre giorni, fino a sabato prossimo, la Bit accoglie nei padiglioni della Fiera di Milano migliaia di espositori, tra enti istituzionali e tour operator, provenienti da più di 100 Paesi dei 5 Continenti. Attesi oltre 60mila visitatori. Numeri che confermano l’assoluta rilevanza dell’evento per il comparto del turismo Made in Italy.

Appuntamento al quale, quindi, non può mancare una realtà come Sorrento, fiore all’occhiello dell’accoglienza della Regione Campania e dell’intero Sud Italia. A rappresentare la costiera alla Bit c’è la locale sezione di Federalberghi, guidata dal presidente Costanzo Iaccarino. “A Milano la penisola è presente con il marchio Sorrento Coast – precisa il leader degli albergatori -, un nostro spazio che gestiamo autonomamente all’interno dello stand della Regione Campania. Nei giorni scorsi ci siamo incontrati con gli assessori al Turismo del comprensorio ed abbiamo ricevuto il mandato di promuovere l’intera costiera, attraverso il materiale informativo fornito dalle diverse amministrazioni”.

Si punta, quindi, a vendere i vari pacchetti soggiorno con le manifestazioni già programmate e quelle in via di definizione, con un occhio di riguardo per gli eventi culturali e quelli di maggiore richiamo per i viaggiatori. “I turisti non si accontentano più di sole, mare e bei paesaggi, ma vogliono di più – afferma ancora il presidente di Federalberghi penisola sorrentina -. Per questo puntiamo sugli appuntamenti di qualità come possono essere, ad esempio, le mostre organizzate dalla Fondazione Sorrento”.

I presupposti, comunque, sembrano incoraggianti. “Arriviamo alla Bit forti dei positivi risultati conseguiti dal settore dell’accoglienza sorrentina nel 2015 – conclude Iaccarino -. Per la prossima stagione contiamo, quindi, di bissare quantomeno l’exploit dell’anno scorso, soprattutto considerato che la crisi economica sembra essere alle spalle. Speriamo solo che non si verifichino imprevisti o incidenti di percorso”.